Un paio di Adidas per far rinascere il Mulino

L’iniziativa

L’artista Francesco Cairoli ha messo all’asta delle scarpe speciali per aiutare la famiglia Fontana

Un paio di Adidas per far rinascere il Mulino
© Ricardo.ch

Un paio di Adidas per far rinascere il Mulino

© Ricardo.ch

Sono passati quasi sette mesi, oramai, dal rogo che ha distrutto il Mulino di Maroggia. I gesti di solidarietà, però, non si sono certo esauriti. Anzi. Francesco Cairoli di French-ART, un ragazzo del Mendrisiotto con la passione per l’arte, ha creato uno splendido paio di Adidas Stan Smith a tema, appunto Mulino. Una creazione che da una parte vuole ricordare quanto accaduto e, dall’altra, dare una spinta (e un contributo) alla rinascita. L’idea, insomma, è quella che il Mulino risorga dalle proprie ceneri. Come la fenice. Le scarpe sono state messe all’asta su Ricardo.ch: chi volesse aiutare, beh, ha tempo fino alle 17.02 del 22 giugno. Il modello, dicevamo, raffigura due momenti indelebili per il Mulino: su una scarpa la fase drammatica dell’incendio e, sull’altra, la fase di rinascita raffigurante la fenice. L’intero ricavato dell’asta verrà donato alla famiglia Fontana proprietaria del Mulino di Maroggia.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2
  • 3

    Lugano ha dato voce ai suoi edifici storici

    Segnaletica

    Posati i primi 54 cartelli storico-artistici atti a valorizzare gli stabili più significativi - Sono stati posati soprattutto in centro, ma nel 2022 l’operazione sarà ripetuta per tutti i quartieri - Badaracco: «Stiamo colmando una lacuna. Sia i locali che i turisti ci chiedevano questa segnaletica»

  • 4

    Bissone, il giorno dopo

    Maltempo

    Con la temporanea cessazione delle precipitazioni Rescue Media ha potuto far volare un drone sopra la zona interessata dalla colata di fango e detriti che lunedì sera si è verificata in via ai Ronchi a Bissone

  • 5

    «È come un piccolo comune che si gestisce da sé»

    Luganese

    Intervista a Roberto Lurati, uno dei padri del Nuovo Quartiere Cornaredo (NQC), che lascerà la presidenza dell’Agenzia dopo un decennio: «Se lo vedremo costruito come previsto non potremo che essere orgogliosi di quanto fatto»

  • 1
  • 1