Un rilancio per il tunnel di Besso e dipinti sui muri di Lugano

Arte urbana

Verrà svelata a settembre la nuova opera che decorerà il sottopassaggio pedonale sotto la stazione FFS di Lugano - Previsti poi interventi di arte urbana

Un rilancio per il tunnel di Besso e dipinti sui muri di Lugano
Con S(guardo) Lugano nel 2012 le pareti sono state ricoperte da pagine di giornale, su cui apparivano delle sagome di oggetti e persone legate all’ambiente urbano. (fotogonnella)

Un rilancio per il tunnel di Besso e dipinti sui muri di Lugano

Con S(guardo) Lugano nel 2012 le pareti sono state ricoperte da pagine di giornale, su cui apparivano delle sagome di oggetti e persone legate all’ambiente urbano. (fotogonnella)

LUGANO - Con la chiusura dell’esperienza luganese di Kabir Mokamel e Omaid Sharifi, - cofondatori di ArtLords, gruppo di artisti afghani che dipinge graffiti a sfondo sociale sui muri anti-esplosione nella città di Kabul - che per una settimana hanno colorato un muro al Parco Tassino, non finiscono le sorprese in ambito di arte urbana in città. Sono infatti diversi i progetti che la Divisione eventi ha in cantiere. «Se nella prima parte dell’anno abbiamo collaborato con la Fondazione Braglia per la mostra di Xhixha, che più che arte urbana classica è arte pubblica, nel corso dell’estate vi saranno installazioni temporanee in giro per la città», spiega il direttore Claudio Chiapparino.

Il 2 settembre invece verrà svelata l’opera con la quale si rilancerà il tunnel pedonale di Besso.

Dopo l’esperienza...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Ex Macello, mozione ritirata

    autogestione

    Il deputato Fabio Schnellmann ha deciso in questo senso viste le «risposte esaustive da parte del Governo» - All’orizzonte si profilavano addirittura quattro rapporti

  • 2

    Scarichi di responsabilità per la più grossa truffa COVID

    Processo

    Alla sbarra un imprenditore e un dentista accusati a vario titolo di aver ottenuto prestiti indebiti per 1,5 milioni falsificando i conti di quattro diverse società - L’accusa chiede 5 e 4 anni, le difese 30 mesi e il proscioglimento

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1