Un ventaglio di opzioni per il deposito ARL

Viganello

Una mozione che chiede di istituire una zona di pianificazione ha trovato supporto in Commissione pianificazione - Ma il Municipio invita prima a parlare con i proprietari dei terreni - Intanto la Città ragiona sui beni culturali tout court

 Un ventaglio di opzioni per il deposito ARL
Il piano del Municipio per tutelare il deposito coinvolge anche gli edifici a fianco. ©CDT/GABRIELE PUTZU

Un ventaglio di opzioni per il deposito ARL

Il piano del Municipio per tutelare il deposito coinvolge anche gli edifici a fianco. ©CDT/GABRIELE PUTZU

«Si sta replicando quanto successo con il Canvetto Luganese. E anche in questo caso c’è spazio per tutelare il bene culturale senza condizionare negativamente le aspettative di edificabilità della zona e senza compromettere i valori immobiliari». Le parole sono del municipale di Lugano Angelo Jelmini, e sono un buon riassunto delle intenzioni dell’Esecutivo riguardo al futuro del deposito ARL di Viganello. L’ultima parola spetterà però al Consiglio comunale, forse già nella prossima seduta. Queste le opzioni: respingere la proposta di istituire una zona di pianificazione (cioè bloccare per cinque anni qualsiasi progetto), approvarla, o accogliere il suggerimento del Municipio.

Il deposito ARL, come noto, potrebbe essere demolito. ARL aveva raggiunto un accordo con Artisa per la cessione del...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Un progetto ticinese che fa bene al cuore

    Telemedicina

    L’Ospedale Malcantonese, in collaborazione con la SUPSI, ha vinto un prestigioso bando europeo per sviluppare un’applicazione che aiuti i malati cardiovascolari nella riabilitazione - Ne parliamo con la dottoressa Tania Odello

  • 2
  • 3
  • 4

    Lugano è anche «povera»

    Socialità

    Tre punti di vista per un fenomeno unico, la fatica di vivere di chi dispone di risorse economiche al imite della sopravvivenza - Senza interventi statali, in città quasi un quinto dei nuclei abitativi non raggiungerebbe il fabbisogno minimo vitale - Fra Martino Dotta: «In preoccupante aumento chi ci chiede di pagargli le fatture»

  • 5

    Scuola Steiner di Origlio, a soqquadro la caffetteria

    Atto vandalico

    Sconcertante scoperta questa mattina da parte di una mamma volontaria - Locale messo sottosopra da ignoti autori che avrebbero lasciato tracce di sangue sul posto - Silvia Carloni: «Odio inspiegabile»

  • 1
  • 1