Una gita sul Ceresio davvero fortunata

Una signora di Verbania ha portato a casa 50mila franchi dalle slot machines del Casinò di Campione d'Italia

Una gita sul Ceresio davvero fortunata
Immagine d'archivio

Una gita sul Ceresio davvero fortunata

Immagine d'archivio

CAMPIONE - Cambiare lago ha fatto bene a una cinquantaduenne di Verbania che ha reso indimenticabile la sua domenica in gita sul Ceresio. La signora dopo aver visitato Campione d'Italia ha infatti deciso di concedersi una tappa al casinò, per tentare la fortuna alle slot machines.

Le sono bastati pochi minuti per indovinare il colpo giusto alle Cherry, una delle mitiche "signore" predilette dai giocatori svizzeri che questa volta hanno fatto la felicità di un'italiana.

Con una puntata minima, la signora di Verbania ne ha vinti 50mila, pari a oltre 43.611 euro, abbastanza per meritarsi l'applauso e le congratulazioni di tutti gli altri giocatori che hanno poi brindato alla sua fortuna.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
    Aggressione alla Manor

    Radicalismo in Ticino, ombre e casi mai chiariti

    Il nostro cantone è stato crocevia di varie vicende sospette: dai giovani partiti come foreign fighters ai presunti finanziamenti dal Qatar, fino agli scontri legali tra l’imam di Viganello e gli 007 elvetici, che lo accusavano di sostenere la jihad

  • 2
  • 3
    aggressione alla manor

    Dall’Italia: «Non c’entra con la cellula sgominata nel 2017»

    È quanto sostiene una fonte inquirente che ha seguito in prima persona l’inchiesta che portò all’arresto di Ümit Y., il reclutatore che lavorò anche per Argo 1 - Tra le ipotesi di reato a carico della donna ci sono il tentato omicidio intenzionale e le lesioni personali gravi

  • 4
    Il fatto di sangue

    «Ho subito pensato a Morges»

    La ricercatrice Mirjam Eser Davolio dà una sua lettura di quanto avvenuto martedì a Lugano: «La Svizzera sembrava meno esposta, eppure non siamo al riparo da atti di violenza terroristica»

  • 5
    dopo l’incendio

    «Il mulino è di tutti e vogliamo ricostruirlo»

    Tra le macerie del Mulino di Maroggia, il direttore Alessandro Fontana guarda avanti: «Sono stati giorni molto duri ma siamo fiduciosi» - Intanto, la solidarietà arriva da tutto il Ticino

  • 1