Una prima a Capriasca: giù il moltiplicatore

Di un punto

Introdotto anche un fondo COVID da 130.000 franchi per dare ossigeno alle persone e aziende in difficoltà nella Pieve

Una prima a Capriasca: giù il moltiplicatore
©CDT/CHIARA ZOCCHETTI

Una prima a Capriasca: giù il moltiplicatore

©CDT/CHIARA ZOCCHETTI

Dal 2001, anno dell’aggregazione, Capriasca ha un moltiplicatore politico d’imposta del 95%. Ora non più. Il Consiglio comunale, in seduta ieri, ha deciso di abbassarlo di un punto percentuale, portandolo al 94% e facendo suo il rapporto di maggioranza della Commissione della gestione (firmato dai commissari PLR e Lega/UDC), che proponeva la storica diminuzione, e la sua motivazione: da una parte venire incontro al le economie domestiche e ai commerci che stanno subendo le conseguenze economiche della pandemia, e dall’altra parte lasciare nelle tasche dei cittadini gli importi non necessari per la copertura del fabbisogno comunale (il moltiplicatore aritmetico per il 2021 si situa al 92,5%).

Arriva il fondo COVID

Parimenti, il rapporto di maggioranza proponeva la creazione di un fondo COVID dotato di 130.000 franchi. Parte di esso servirà per ripetere l’azione già intrapresa nel 2020 di erogare a ogni cittadino dei buoni di consumo da spendere nei commerci locali, mentre il restante sarà destinato ad aiuti puntuali e mirati a fondo perso indirizzati a singole realtà comunali, siano essere di tipo fisico o giuridico, quali singoli cittadini, nuclei familiari e attività commerciali che si trovino in un particolare stato di urgente necessità. Aiuti mirati che il Municipio erogherà a sua discrezione.

Entrambi gli emendamenti, come detto, sono stati accolti dal Legislativo: 17 i voti favorevoli, 13 i contrari, 2 gli astenuti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Dopo Pregassona, Lugano guarda a Viganello

    Sanità e terza età

    SCuDo ristrutturerà e si insedierà a villa Rava e, a due passi, la casa per anziani la Meridiana sarà ampliata e dotata di spazi condivisi - Incerto il futuro del Castagneto: in primavera entreranno gli ospiti del Centro l’Orizzonte

  • 2

    Il legionario partito da Lugano: «Volevo sconfiggere il terrorismo»

    IL CASO

    Per quasi tre anni un sergente ticinese ha fatto parte del corpo d’élite dell’esercito francese - Ieri è stato condannato dal Tribunale militare a una pena pecuniaria sospesa - «Vieni privato di tutto e costretto ad assumere un’identità fittizia: non volevo combattere, ma rendermi utile per il mio Paese al rientro da questa esperienza durissima»

  • 3
  • 4

    Un periodo nero per le luci rosse, «ma l’offerta è in aumento»

    Locali erotici

    Il settore, complice la pandemia, continua a lamentare il calo della clientela anche fino al 50 per cento – In aggiunta sempre meno escort vengono a lavorare in Ticino – Per gli addetti ai lavori si sta assistendo a un aumento di appartamenti illegali a ridosso del confine

  • 5
  • 1
  • 1