Via Ciusaretto, Muzzano non molla

Traffico

Il Comune ricorre nuovamente al Tribunale dopo l’ennesimo no del Cantone all’inserimento di una limitazione dell’accesso veicolare «affinché per una volta i nostri diritti non siano sacrificati sull’altare di principi sempre invocati a senso unico»

 Via Ciusaretto, Muzzano non molla
Un tratto della via della discordia ©CdT/Gabriele Putzu

Via Ciusaretto, Muzzano non molla

Un tratto della via della discordia ©CdT/Gabriele Putzu

Partiamo da qui, dall’accorato ed esasperato ricorso inoltrato da Muzzano al Tribunale cantonale amministrativo (TRAM): «Ci appelliamo a voi affinché per una volta i nostri diritti non siano sacrificati sull’altare di principi sempre invocati a senso unico. Da circa 20 anni si cerca di porre rimedio a un situazione scandalosa e si è ottenuto il nulla. L’Autorità e la cittadinanza hanno finora sofferto con grande senso del dovere e hanno fatto fronte a richieste che viste a posteriori sono assurde, costose e inutili. Chiediamo di essere trattati alla stregua di altri Comuni. E se si verificherà un incidente grave denunceremo il fatto come prevedibile e ineluttabile».

L’oggetto del contendere è l’introduzione di una limitazione al traffico di transito sulla stretta via Ciusaretta («la strada...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Lido, quattro milioni per ripensare l’energia

    Teleriscaldamento

    A Lugano i lavori sul prato di fronte alla piscina coperta avranno inizio nel mese di settembre e dovrebbero protrarsi per circa un anno – Se tutto va secondo i piani l’entrata in funzione potrebbe avvenire nell’autunno 2021 – L’idea risale ad alcuni anni fa

  • 2
  • 3

    Controlli più serrati alla foce del Cassarate

    Lugano

    Dopo che la foto degli assembramenti di giovedì ha fatto il giro del web, questa giornata di sabato sembra essere trascorsa all’insegna del rispetto delle distanze sulla riva del Ceresio - «Se non si rispettano le regole saremo costretti a chiudere nuovamente tutto», aveva avvertito Borradori due giorni fa - GUARDA LE FOTO

  • 4

    Assembramenti a Lugano, «non ci siamo!»

    Pandemia

    Il municipale Lorenzo Quadri diffonde le foto di gente che non rispetta il distanziamento e tuona: «La polizia non fa contravvenzioni, poi fanno cassetta coi radar per 5 km/h in più»

  • 5
  • 1
  • 1