Wilhelm Schmid e l’architettura

L’incontro

Giovedì 25 novembre Riccardo Bergossi illustrerà aspetti poco noti dell’attività architettonica del pittore argoviese, a lungo residente a Brè

 Wilhelm Schmid e l’architettura
Un affresco scomparso di Schmid su una casa di via agli Orti a Viganello.

Wilhelm Schmid e l’architettura

Un affresco scomparso di Schmid su una casa di via agli Orti a Viganello.

Giovedì 25 novembre alle 18, nella Sala Concerti dell’ex Municipio di Castagnola, Riccardo Bergossi illustrerà aspetti poco noti dell’attività architettonica del pittore argoviese Wilhelm Schmid, a lungo residente a Brè. L’incontro si inserisce nelle attività promosse dalla Divisione Cultura della Città di Lugano per ricordare Schmid a 50 anni dalla scomparsa, un progetto che già ha visto negli scorsi mesi la presentazione del nuovo allestimento della Casa Museo di Brè. In questo caso si propongono due serate a tema affidate a due ricercatori che hanno potuto approfondire il vasto patrimonio archivistico lasciato in eredità dall’artista, nell’ottica di una più ampia campagna di riordino e di ricerca. Giovedì scorso Maria Foletti Fazioli ha presentato le ultime scoperte attorno alla biografia di Schmid, attivo in Germania, Francia, Italia e Svizzera sia come artista che come mercante d’arte e di libri antichi. Riccardo Bergossi invece illustrerà giovedì 25 novembre l’attività poco nota di Schmid architetto, cui si devono maestose residenze a Potsdam e alcune ville e case rurali in Ticino, soprattutto a Brè.

Si ricorda che è sempre possibile visitare la Casa Museo di Brè il venerdì e la domenica pomeriggio, previa prenotazione all’indirizzo email [email protected] oppure telefonando al numero +41 58 866 42 93.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    Una banda criminale dietro al furto in pizzeria

    Processo

    Condannato a tre anni parzialmente sospesi un 52.enne residente nel Luganese autore anche di truffe legate ai leasing di auto e agli stipendi - In sei mesi ha causato danni per oltre 400.000 franchi

  • 3

    Accolto il ricorso dell’imam di Viganello

    Lugano

    La Segreteria di Stato della migrazione riteneva Samir Radouan Jelassie una «compromissione duratura della sicurezza della Svizzera» e gli aveva negato la naturalizzazione, ma per il Tribunale amministrativo federale si tratta di «una conclusione parziale che si scosta dal tenore reale dei fatti» - Dovrà essere emessa una nuova decisione

  • 4
  • 5

    Dove investirà Lugano nel 2022

    Panoramica

    Per la prima volta dal 2014 il Municipio intende spendere 60 milioni netti, una cifra più volte auspicata dalla politica perché ritenuta in grado di dare impulsi positivi al territorio - Fra le opere da finanziare l’inizio dei lavori per la nuova sede della Divisione spazi urbani e per il Parco dello sport al Maglio

  • 1
  • 1