logo

Unipolisi: la denuncia ferma la truffa

Nuovi dettagli sull'inchiesta - È sparito mezzo milione di franchi

Maffi
 
14
marzo
2018
06:52
Red. Chiasso

CHIASSO - Sono stati gli ultimi amministratori dell'Unipolisi a far scattare, denunciando presunte malversazioni, gli arresti di Vincenzo Amore, direttore dell'istituto di formazione trasferito da Chiasso ai Grigioni, e della moglie, per la quale è stata di recente disposta la liberazione. L'indagine sfociata nel doppio arresto lo scorso dicembre non è quindi, come si credeva, una naturale emanazione della precedente inchiesta aperta nei confronti di Amore e consorte e un altro paio di personaggi per quanto accaduto all'IPUS di Chiasso, altra scuola in sostanza spacciata per università. Ai querelanti sono bastati pochi mesi, tra la fine del 2016 e la metà del 2017, per capire che qualcosa non andava nella gestione dell'Unipolisi. All'appello mancava circa mezzo milione di franchi. 

Maggiori dettagli nell'edizione cartacea del Corriere del Ticino.

Prossimi Articoli

"Mai visto un caso così grave"

Nadia Ghisolfi di Transfair: "Provvedimenti importanti che destano preoccupazione" - Roberto Messina di Garanto: "Sollievo tra il personale dopo i problemi creati da un piano di rotazione"

Mendrisiotto, un successo la campagna itinerante della Polizia

Ha riscosso grande successo l'evento organizzato dalla Polizia di Mendrisio e Stabio - Si pensa già a un bis

Edizione del 20 settembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top