A Novazzano un corteo affollato

Ul Zanzara

Ventisette i gruppi che hanno sfilato di fronte a un folto pubblico per le strade del paese - Era la trentunesima edizione - LE FOTO

 A Novazzano un corteo affollato
© TI-PRESS/DAVIDE AGOSTA

A Novazzano un corteo affollato

© TI-PRESS/DAVIDE AGOSTA

 A Novazzano un corteo affollato

A Novazzano un corteo affollato

 A Novazzano un corteo affollato

A Novazzano un corteo affollato

 A Novazzano un corteo affollato

A Novazzano un corteo affollato

 A Novazzano un corteo affollato

A Novazzano un corteo affollato

 A Novazzano un corteo affollato

A Novazzano un corteo affollato

 A Novazzano un corteo affollato

A Novazzano un corteo affollato

 A Novazzano un corteo affollato

A Novazzano un corteo affollato

 A Novazzano un corteo affollato

A Novazzano un corteo affollato

 A Novazzano un corteo affollato

A Novazzano un corteo affollato

Forse il sole quest’anno non splendeva, ma il tempo ha tenuto quanto basta per far sì che anche la 31.esima edizione del corteo mascherato del carnevale benefico di Novazzano, Ul Zanzara, abbia attirato un fiume di persone, corse ad assistervi. Il corteo è andato in scena oggi per le strade del nucleo del paese. Poco prima i partecipanti hanno potuto prender parte alla distribuzione, come da tradizione, di risotto e cotechino, mentre al termine del corteo (che era iniziato alle 14), c’è stata la spettacolare esibizione delle guggen al capannone. Sono stati ben ventisette i gruppi che si sono esibiti (fra cui i bambini delle Scuole dell’infanzia e delle elementari locali) e che hanno messo in scena i temi più svariati, dai «sempre verdi» a quelli legati ai fatti di attualità: non sono mancati riferimenti a Lugano Marittima, a Greta Thunberg, ai bicchieri del Rabadan e ai furti ai bancomat. La festa proseguirà fino a sera.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Red. Mendrisiotto
Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    Cantieri sincronizzati ma senza una data

    Monte Generoso

    Il progetto per il risanamento di 5,5 chilometri di strade forestali sulle pendici della montagna subirà un ritardo a causa del coronavirus, forse di un anno - Mendrisio nel frattempo chiede 3 milioni per un cantiere parallelo, che sarà coordinato con il primo

  • 2

    «Un’ondata di solidarietà che non mi aspettavo»

    L’intervista

    Dopo essere entrato in contatto con il coronavirus a metà marzo, il sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni si è autoisolato in casa - Da lì ha ripreso a lavorare e ad amministrare la cittadina: ecco come

  • 3
  • 1
  • 1