Rancate

Arriva il cioccolato targato momò

In autunno, lo storico marchio della Cima Norma SA comincerà a produrre le sue prime tavolette nella nuova fabbrica di Rancate

Arriva il cioccolato targato momò
Momenti della conferenza stampa di oggi. (Foto CdT)

Arriva il cioccolato targato momò

Momenti della conferenza stampa di oggi. (Foto CdT)

Arriva il cioccolato targato momò
Marie-José e Marino Venturini con Abouzar Rahmani. (Foto CdT)

Arriva il cioccolato targato momò

Marie-José e Marino Venturini con Abouzar Rahmani. (Foto CdT)

Arriva il cioccolato targato momò

Arriva il cioccolato targato momò

Arriva il cioccolato targato momò

Arriva il cioccolato targato momò

Arriva il cioccolato targato momò

Arriva il cioccolato targato momò

LUGANO/RANCATE - Sono poche le cose che risvegliano l’orgoglio di essere svizzeri quanto il buon cioccolato. La tradizione manifatturiera però non sempre basta affinché i marchi storici sopravvivano ai tempi che cambiano e Cima Norma ne è la conferma. A cinquant’anni dalla chiusura della fabbrica bleniese di Dangio, lo scorso anno la Cima Norma SA ha ripreso a produrre una piccola selezione di tavolette che ha ottenuto molto successo anche oltre Gottardo. Ora però, Marino e Marie-José Venturini, proprietari del marchio, si sono seriamente orientati verso il rilancio, grazie anche all’aiuto della Domani Food SA. Il CEO della società in questione, Abouzar Rahmani, ha infatti riposto grande fiducia nelle potenzialità che legano il nome di Cima Norma, la tradizione cioccolatiera, la qualità del lavoro svizzero e la cultura mediterranea del cibo che c’è in Ticino.

Attivo su scala internazionale con la Domani Food, Rahmani produce già a Rancate il brand Mani (silver sponsor dell’Hockey Club Lugano) ma lavora anche con gli snack Zaz e Kakoo. A partire da quest’autunno, nelle prossimità della nuova Strada industriale che allaccia Mendrisio e Rancate, in una struttura che occuperà una ventina di impiegati, si comincerà quindi a produrre anche cioccolato e le prime tavolette verranno messe sul mercato entro la fine dell’anno.

Le ricette tradizionali della produzione originale sono gelosamente custodite sotto chiave e continueranno ad essere usate come base anche per le future realizzazioni, ha assicurato Marino Venturini. Potranno però essere adattate alle esigenze della clientela odierna, sempre più attenta a prodotti biologici, per esempio, oppure vegani, ma anche alla legislazione in materia alimentare e sanitaria che nel frattempo è evoluta. Per queste innovazioni, l’azionista del marchio si è affidato alla competenza nel settore alimentare della Domani Food. Di origini persiane, la famiglia del fondatore Rahmani è molto legata alle tradizioni e, anche negli affari, le considera un valore aggiunto. Affinché questo valore non vada perso, gli va però applicata l’innovazione.

Le origini, come detto, non verranno dimenticate ma valorizzate e la nuova impresa non intende perdere il legame con l’ex fabbrica, ma prevede di investire in lavori e ristrutturazioni del Museo del cioccolato.

Una collaborazione gradita sia dall’ente turistico bleniese che apprezza ogni passo, grande o piccolo che sia, che faccia conoscere il territorio delle valli; sia dall’Ufficio dello sviluppo economico della Città di Mendrisio. Nella conferenza stampa di presentazione avvenuta quest’oggi a Lugano, in rappresentanza del capoluogo momò, la direttrice dell’Ufficio dello sviluppo economico Agnès Pierret ha infatti sottolineato l’importanza dell’arrivo di un’azienda come questa: moderna e dall’approccio innovativo, come non se ne vedono molte nemmeno in un polo industriale come il Mendrisiotto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1
    Valle di Muggio

    Ecco come la tassa sul sacco ha reso Breggia virtuosa

    Dall’introduzione del sacco ufficiale, in sei mesi, i rifiuti solidi urbani raccolti sono calati di circa il 20%. Il sindaco: «Con il tempo gli abusi sono quasi spariti, ora la popolazione è a suo agio con le novità»

  • 2
  • 3
    Mendrisiotto

    Laveggio: il parco si completa come un puzzle

    È un momento cruciale per il progetto che mira alla realizzazione di un parco ubrano tra Riva e Stabio - «Sarebbe bello se i Comuni coinvolti si coordinassero di più»

  • 4
    Progetto

    Una ferita nel nucleo di Stabio

    I lavori per il previsto complesso immobiliare da 50 milioni di franchi nell’area ex Rapelli non sono ancora partiti - La vicenda si è trasformata in un contenzioso su due fronti tra Municipio e promotori del piano edilizio

  • 5
    In aula

    Da sfruttati a passatori

    Pene sospese per tre uomini fermati a Capolago con 26 migranti senza permessi - Erano stati protagonisti di un viaggio analogo

  • 1