Botta e risposta tra PPD e EOC

Mendrisio

L’Ente ospedaliero giudica «fake news» l’interrogazione che chiede lumi al Governo sull’indebolimento del reparto di neonatologia - Il partito ribatte: «Non siamo nati ieri»

Botta e risposta tra PPD e EOC

Botta e risposta tra PPD e EOC

L’Ente ospedaliero cantonale ha preso posizione sull’interrogazione presentata dai granconsiglieri PPD Giorgio Fonio, Maurizio Agustoni e Luca Pagani. Nell’atto parlamentare - ne abbiamo riferito sabato - venivano chiesti lumi sullo smantellamento di un macchinario (il «CPAP», Continuos Positive Airway Pressure) che serve a ventilare in maniera automatica i neonati e permette di tenere aperti gli alveoli di chi ha difficoltà a respirare dopo la nascita. Macchinario la cui mancanza, stando ai consiglieri PPD, indebolirebbe l’ospedale Beata Vergine di Mendrisio. «Dato il rischio di disinformazione - sottolinea Mariano Masserini, responsabile del Servizio di comunicazione dell’EOC - ci sentiamo in dovere di fornire qualche precisazione. Il contenuto dell’interrogazione è totalmente fuorviante ed errato. L’apparecchio CPAP è stato dismesso per essere sostituito. Poco prima della chiusura temporanea forzata legata al COVID, nel reparto di neonatologia dell’OBV sono arrivati i nuovi lettini per la rianimazione neonatale di ultima generazione, con apparecchiatura CPAP integrata e conseguentemente la vecchia apparecchiatura è stata dismessa».

«Ma non sono equivalenti»

Fonio, Agustoni e Pagani però non ci stano e ieri hanno di nuovo replicato. «In realtà i due apparecchi non sono equivalenti, pur avendo lo stesso obiettivo, in quanto i lettini REAN vengono utilizzati per un intervento d’urgenza nei primi momenti di vita del neonato e necessitano la costante presenza di un operatore sanitario. Per contro l’apparecchio CPAP permette una presa a carico di più lungo termine senza la necessità di un intervento manuale. Se fosse vero quanto scritto nel post dell’EOC non si capisce perché, come già accaduto nelle scorse settimane, neonati con distress respiratorio siano stati trasferiti a Bellinzona, dove c’è un apparecchio CPAP».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    Idee alternative e originali per un Natale ai tempi del virus

    Distretto

    Il trenino c’è e si trova come sempre nel cuore del villaggio montato al Serfontana. Ma quest’anno non sbufferà: l’allestimento è puramente decorativo - Non sono solo i Mendrisio e Chiasso a pensare a proposte diverse in vista delle feste

  • 2

    Sorprese sotto gli alberi di Mendrisio e Chiasso

    Eventi

    Nei due poli il coronavirus ha cancellato quasi tutti i tradizionali appuntamenti natalizi ma grazie a qualche novità si tenterà comunque di creare un ambiente che, se tutto andrà bene, potrebbe anche essere più festivo del solito - Saranno le luci le grandi protagoniste

  • 3

    Il concorso che non piace a diversi agenti di polizia

    Chiasso

    Una nomina interna, non ancora comunque ratificata dal Municipio, ha spinto parte dei collaboratori del Corpo a rivolgersi agli Enti locali per contestare la procedura - La capodicastero: «Sospendiamo l’iter per la tranquillità di tutti, ma siamo certi di aver lavorato correttamente»

  • 4

    Neonatologia indebolita all’OBV?

    Mendrisio

    Il presunto trasferimento dall’ospedale locale a quello di Bellinzona di un macchinario per curare una patologia polmonare preoccupa tre deputati del PPD

  • 5

    È una Chiasso che cambia partendo dalla stazione

    Mobilità

    Nell’area è in corso una rivoluzione di cui fanno parte la riorganizzazione viaria e il nuovo terminal dei bus - La maxi pensilina è stata posata e una volta pronta anche la seconda rotonda le automobili inizieranno a transitare in entrambe le direzioni

  • 1
  • 1