C’è l’accordo coi contadini per la centrale a biogas a Stabio

Energia

Gli agricoltori del distretto forniranno scarti, liquami e letame per ricevere in contropartita prodotti fertilizzanti naturali – Partirà l’anno prossimo la costruzione dell’impianto che sarà operativo nel 2023 – Corrado Noseda: «Sono in corso trattative per ricevere e lavorare anche i residui alimentari»

C’è l’accordo coi contadini per la centrale a biogas a Stabio
La lettera d’intenti è stata sottoscritta da Biogas Stabio SA e Società agricola del Mendrisiotto. © Shutterstock

C’è l’accordo coi contadini per la centrale a biogas a Stabio

La lettera d’intenti è stata sottoscritta da Biogas Stabio SA e Società agricola del Mendrisiotto. © Shutterstock

La licenza edilizia c’è già dal maggio 2018 e nell’aprile scorso è stata costituita la società anonima per gestire la struttura (vedi il CdT del 22 aprile). Da allora non si è più parlato della centrale a biogas per la produzione di corrente rinnovabile nella zona industriale di Stabio. Ma chi sta lavorando al progetto non è stato con le mani in mano in questi mesi, anzi si sta impegnando affinché la sede possa essere costruita quanto prima. «Non ci sono dubbi. La centrale si farà. Stiamo lavorando per accordarci con i fornitori delle materie prime. Pensiamo di dare inizio ai lavori l’anno prossimo per poi partire con la produzione nel 2023» ci dice l’ingegner Corrado Noseda, membro del Consiglio d’amministrazione della Biogas Stabio SA. L’investimento sarà di circa 4,1 milioni di franchi....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    Arzo segnò la vita di Segre, la memoria permetterà di non dimenticare

    Iniziativa

    Un gruppo di consiglieri comunali chiede di conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre, respinta nel 1943 al confine del quartiere mendrisiense e di dedicare uno spazio pubblico ai tentativi di trovare rifugio in Ticino che segnarono in modo indelebile la storia del Mendrisiotto

  • 2

    Tiratori armati di pazienza: lavori allo stand in ritardo

    Morbio Superiore

    Il rinnovo del poligono della Rovagina avrebbe dovuto iniziare in questi giorni - Un’autorizzazione federale si è però fatta attendere diversi mesi e il cantiere è slittato di almeno un anno - A breve però sarà staccata la licenza edilizia e si potrà procedere con le richieste di credito ai Legislativi

  • 3

    Il mulino può ripartire, c’è la licenza edilizia

    Maroggia

    L’Esecutivo ha rilasciato martedì sera l’autorizzazione per la ricostruzione dell’edificio distrutto dalle fiamme nel novembre del 2020 – Il titolare Alessandro Fontana: «Adesso andiamo avanti a tutto gas» – L’obiettivo, fra un anno, è quello di collaudare l’impianto

  • 4

    Tour de Suisse: si dovrà sudare sul circuito momò

    Ciclismo

    La tappa del 16 giugno del Tour de Suisse sarà interamente ticinese con arrivo a Novazzano - I corridori percorreranno tre volte un anello comprendente l’Acqua fresca, la salita di Pedrinate e quella della Torraccia - Gli organizzatori: «Tracciato impegnativo con ascese fino al 16%»

  • 5

    Oltre la ramina a Stabio per sfuggire alle persecuzioni

    Frontiere

    Una donna ebrea milanese, accompagnata dal marito, è tornata a Stabio, nel punto dove nel 1943 attraversò il confine e in modo rocambolesco raggiunse la salvezza – Bruna Cases: «Un momento di grande commozione, sappiamo di essere stati molto fortunati»

  • 1
  • 1