Caso Cadei, altri due scarcerati

giustizia

Dopo il rilascio dei figli del proprietario, sono tornati a casa anche il 62.enne e la sua collaboratrice 35.enne - L’inchiesta in ogni caso prosegue

Caso Cadei, altri due scarcerati
© CdT/Gabriele Putzu

Caso Cadei, altri due scarcerati

© CdT/Gabriele Putzu

Sono state scarcerate tutte e quattro le persone fermate il 28 gennaio in relazione alle perquisizioni effettuate nelle filiali del Gruppo Cadei, attivi nella vendita di veicoli multimarca. Lo comunicano il Ministero pubblico e la Polizia cantonale in una nota, spiegando che la decisione è stata presa in quanto non vi erano più i presupposti giuridici per il mantenimento della detenzione preventiva. I due figli del 62.enne erano già stati rilasciati il 20 febbraio, ora anche il proprietario 62.enne e la collaboratrice 35.enne sono tornati a casa.

L'inchiesta in ogni caso prosegue e, considerata la mole di documentazione da esaminare e i numerosi atti istruttori da esperire, le autorità invitano tutti coloro che hanno segnalato delle problematiche legate alla fattispecie a pazientare e ad attendere che siano eventualmente gli inquirenti a prendere contatto con loro. Non verranno rilasciate ulteriori informazioni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1
  • 2

    La Villa vescovile aspetta il suo sovrano

    Balerna

    Lo storico edificio resta in attesa di potenziali interessati ma l’impresa non è semplice: i costi di ristrutturazione sono ingenti e vanno rispettati i vincoli dettati dall’Ufficio dei beni culturali - Intanto il coronavirus congela il cantiere per le tre palazzine firmate Botta

  • 3

    Cantieri sincronizzati ma senza una data

    Monte Generoso

    Il progetto per il risanamento di 5,5 chilometri di strade forestali sulle pendici della montagna subirà un ritardo a causa del coronavirus, forse di un anno - Mendrisio nel frattempo chiede 3 milioni per un cantiere parallelo, che sarà coordinato con il primo

  • 4

    «Un’ondata di solidarietà che non mi aspettavo»

    L’intervista

    Dopo essere entrato in contatto con il coronavirus a metà marzo, il sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni si è autoisolato in casa - Da lì ha ripreso a lavorare e ad amministrare la cittadina: ecco come

  • 5
  • 1
  • 1