«Dimmi dove e quando», lui tace e il DNA lo incastra

Mendrisiotto

Pur essendo stato incalzato in tutti i modi dal giudice, l’uomo che in aprile ha colpito in una stazione di servizio di Novazzano nega tutto - Su un frammento dell’arma «dimenticato» in via Cios sono però state ritrovate le sue tracce organiche

«Dimmi dove e quando», lui tace e il DNA lo incastra
© Rescue Media

«Dimmi dove e quando», lui tace e il DNA lo incastra

© Rescue Media

Il procuratore pubblico Roberto Ruggeri lo ha definito «freddo, spregiudicato e sicuro dei propri mezzi». Per l’avvocato difensore Gabriella Mameli l’uomo che ha commesso quella rapina a un distributore nei pressi del valico di Brusata, a Novazzano, era tuttavia «imbranato e fifone. Non certo un’aquila criminale». Infatti nel bel mezzo del colpo messo a segno il 6 aprile ha anche fatto cadere la pistola con cui ha minacciato la commessa, «dimenticando» sulla scena del crimine un frammento dell’arma - poi risultata di tipo soft air - su cui gli inquirenti hanno ritrovato il suo DNA. Proprio questo è stato uno degli indizi più decisivi che ha convinto la Corte a condannarlo. La refurtiva era stata di 6.400 franchi circa.

Il canto del giudice

Lui però, un italiano di 48 anni con diversi precedenti,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    La strategia di Chiasso per la ripartenza

    Post pandemia

    Chiesto un credito quadro di oltre 2 milioni per contrastare gli effetti negativi del coronavirus e sostenere popolazione ed economia – Tra rilancio digitale e sostegno alle aziende,
    molte le ricette proposte, tra cui una serie di interventi a titolo di investimento per 1,35 milioni di franchi

  • 2

    Riduzioni degli orari all’OBV, «solo un disguido»

    mendirisio

    La direzione dell’EOC reagisce all’interpellanza di Augustoni, Fonio e Pagani spiegando che si è trattato di «un’inesatta comunicazione interna» e che gli orari del pronto soccorso pediatrico non diminuiranno

  • 3

    La maternità resta all’OBV: «Tiriamo un sospiro di sollievo»

    Sanità

    Raffaele De Rosa ha fugato i dubbi sulla ventilata chiusura dei reparti di ostetricia e neonatologia, temporaneamente trasferiti a Lugano nell’ambito della lotta alla COVID-19 - Soddisfatte le formazioni politiche – Matteo Muschietti: «Non abbassiamo la guardia»

  • 4

    Non solo sport nel futuro di Seseglio

    Attrazioni

    La modifica di Piano regolatore proposta dal Comune di Chiasso apre le porte alla creazione di un centro multifunzionale che potrà ospitare anche contenuti ricreativi e turistici - Per il Municipio «la struttura polivalente andrà a coprire una lacuna nell’offerta regionale

  • 5
  • 1
  • 1