«Dimmi dove e quando», lui tace e il DNA lo incastra

Mendrisiotto

Pur essendo stato incalzato in tutti i modi dal giudice, l’uomo che in aprile ha colpito in una stazione di servizio di Novazzano nega tutto - Su un frammento dell’arma «dimenticato» in via Cios sono però state ritrovate le sue tracce organiche

«Dimmi dove e quando», lui tace e il DNA lo incastra
© Rescue Media

«Dimmi dove e quando», lui tace e il DNA lo incastra

© Rescue Media

Il procuratore pubblico Roberto Ruggeri lo ha definito «freddo, spregiudicato e sicuro dei propri mezzi». Per l’avvocato difensore Gabriella Mameli l’uomo che ha commesso quella rapina a un distributore nei pressi del valico di Brusata, a Novazzano, era tuttavia «imbranato e fifone. Non certo un’aquila criminale». Infatti nel bel mezzo del colpo messo a segno il 6 aprile ha anche...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1
  • 2
  • 3

    Sacco per tutti i momò da gennaio

    RIFIUTI

    Nel 2020 anche i Comuni della regione che ancora non hanno introdotto una tassa sul quantitativo si adatteranno alle direttive cantonali e tutti avranno contenitori ufficiali colorati con prezzi tra 1 e 1,25 franchi, ma Mendrisio resterà «fuorilegge»

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1