«È stata una perdita di tempo e soldi»

NOVAZZANO

Michele De Francisci, promotore del complesso residenziale firmato Mario Botta, getta la spugna dopo lo stop del Tribunale amministrativo

«È stata una perdita di tempo e soldi»
Sullo sfondo, a sinistra, uno degli edifici toccati dal progetto. © CdT/Archivio

«È stata una perdita di tempo e soldi»

Sullo sfondo, a sinistra, uno degli edifici toccati dal progetto. © CdT/Archivio

Né quel progetto, né altri. Nel nucleo di Novazzano, fino a nuovo avviso, rimarrà tutto così com’è. Dopo che il Tribunale cantonale amministrativo ha accolto il ricorso della Società ticinese arte e natura contro la realizzazione, firmata Mario Botta, di un complesso residenziale con una ventina di appartamenti, un atelier e un’autorimessa interrata, il promotore dell’opera, Michele De Francisci, ha deciso di gettare la spugna. Niente ricorsi e soprattutto niente nuovi progetti. «È stata una perdita di tempo e di soldi - ci ha detto al telefono -. Non me la sento, alla mia età, di ripartire da capo. Mi chiedo a cosa servono le istanze precedenti al TRAM, che avevano tutte approvato il progetto... È stato tutto capovolto, con mia enorme delusione. Anche perché la nuova costruzione avrebbe seguito...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    Con un laser si può anche far precipitare un velivolo

    Il caso

    I piloti rischiano cecità temporanea, danni permanenti agli occhi e possono perdere pericolosamente l’attenzione quando volano a bassa quota - Tra gli 80 casi annunciati ogni anno all’UFAC, sono una decina gli attacchi con puntatori laser a danno delle Forze aeree

  • 2
  • 3

    Abusò della figlia, condannato a 5 anni

    mendrisiotto

    L’imputato, a sua volta vittima di reati simili da parte del padre, era già finito sotto inchiesta nel 2010 ma le indagini avevano poi portato a un decreto d’abbandono - Arrestato a gennaio, da allora si trova dietro le sbarre

  • 4
  • 5

    Misure più incisive per i migranti problematici

    Chiasso

    Il Municipio scrive a Berna per domandare l’introduzione di sanzioni più severe nei confronti di chi si macchia di episodi di disturbo della quiete pubblica o infrange le regole - Un paio di richiedenti l’asilo sono già stati trasferiti altrove

  • 1
  • 1