Ecco come cambierà l’entrata Sud della Svizzera

Fernet-Branca

In primavera inizieranno i lavori di costruzione del maxi immobile a ridosso della dogana di Chiasso - L’ex distilleria, sede della celebre bevanda alcolica dal 1932, lascerà spazio a un complesso amministrativo-commerciale - LE IMMAGINI

Ecco come cambierà l’entrata Sud della Svizzera

Ecco come cambierà l’entrata Sud della Svizzera

Ecco come cambierà l’entrata Sud della Svizzera
Un’immagine dello stabile risalente allo scorso anno. © Archvio/CDT

Ecco come cambierà l’entrata Sud della Svizzera

Un’immagine dello stabile risalente allo scorso anno. © Archvio/CDT

Ecco come cambierà l’entrata Sud della Svizzera

Ecco come cambierà l’entrata Sud della Svizzera

Ecco come cambierà l’entrata Sud della Svizzera

Ecco come cambierà l’entrata Sud della Svizzera

Ecco come cambierà l’entrata Sud della Svizzera

Ecco come cambierà l’entrata Sud della Svizzera

Ecco come cambierà l’entrata Sud della Svizzera

Ecco come cambierà l’entrata Sud della Svizzera

È un progetto che cambierà profondamente la «Porta Sud» della Svizzera e il centro di Chiasso. In primavera inizieranno i lavori di costruzione del complesso che sorgerà al posto dell’ex stabilimento Fernet-Branca: il primo stabile - oggi fatiscente - in cui ci si imbatte entrando nel nostro Paese da Ponte Chiasso. Un progetto, promosso da Axim SA, di cui si parla da anni. Nel 2016 una prima licenza edilizia prevedeva la realizzazione di un hotel a 4 stelle (da 120 camere), mentre ora si opta per un centro amministrativo e commerciale. Il complesso sorgerà in una posizione privilegiata, a ridosso della dogana, della stazione e vicino all’autostrada. «Il progetto - spiega Axim Group - prevede l’edificazione di due stabili a carattere amministrativo, dall’architettura contemporanea, in grado di soddisfare le necessità logistiche di varie tipologie di aziende che sono alla ricerca di ambienti di lavoro funzionali e al contempo moderni e rappresentativi». Il nuovo centro si comporrà di due elementi separati con struttura in calcestruzzo, acciaio e vetro, posti uno accanto all’altro e collegati al piano terra da un ampio spazio completamente vetrato. I due blocchi si sviluppano su 7 piani fuori terra, per un totale di circa 10.000 metri quadrati. È prevista anche un’autorimessa interrata con 111 posteggi coperti.

Ecco come cambierà l’entrata Sud della Svizzera

Un’area fitness

Lo stabile prevede anche la realizzazione di un’area fitness comune e uno spazio esterno (un’area verde) pensato per garantire relax nei momenti di svago e che, in un certo senso, andrà a completare piazza Elvezia (sistemata alcuni anni fa). «Un progetto dalle grandi ambizioni - spiega Axim - che si propone di contribuire a ridisegnare l’area circostante fungendo da elemento di continuità tra l’ingresso di Chiasso, la zona abitativa e il polo industriale».

Un po’ di storia

Il nuovo complesso prenderà il posto del glorioso stabile Fernet-Branca, che rappresenta a suo modo un piccolo pezzo di storia sottocenerina. Un pezzo di storia legato chiaramente al nome del celebre amaro. Nel 1845 Bernardino Branca, un farmacista autodidatta nato a Cannobio e che ha vissuto per alcuni anni a Lugano, inventa a Milano la ricetta di un amaro tonico a base di erbe officinali, che inizia a commercializzare come rimedio medicamentoso con il nome di Fernet-Branca. Inizialmente il successo è limitato alle città dell’Italia del Nord ma poi, anche e soprattutto grazie a riconoscimenti ottenuti all’estero (per esempio alle Esposizioni internazionali di Londra del 1862, di Parigi nel 1867 e a Vienna nel 1873) il Fernet inizia ad essere distribuito in tutto il mondo. Viene così fondata la Fratelli Branca Distillerie S.r.l. e nel 1932, quasi in concomitanza con l’apertura di uno stabilimento a New York, la società investe anche a Chiasso. E non è l’unica. Nella cittadina di confine si installano altri grandi società italiane del settore: Carpano (tra gli inventori del Vermouth), Cinzano, Cynar, Martini e Zucca. L’arrivo in Ticino di queste aziende è stato tra l’altro al centro, nel 2016, di un’esposizione al m.a.x. Museo, che ne ha illustrato le capacità di comunicazione. La società Anonima Fratelli Branca di Chiasso è stata infine messa in liquidazione nel 2015 e radiata dal Registro di commercio nel 2017.

Campari e Cynar a Lugano

Al posto della Fernet-Branca, come detto, sorgerà a breve un complesso in grado di cambiare il volto di una fetta importante di Chiasso. Sarà dunque uno dei cantieri più grandi in programma in Ticino il prossimo anno, ed è singolare pensare che un altro grandissimo cantiere ticinese (quello del Campus USI-SUPSI di Viganello) sta sorgendo su terreni che portano il nome di un’altra celebre bevanda alcolica italiana: Campari. Questo famoso bitter aprì uno stabilimento sulle rive del Ceresio nel lontano 1899, poi abbattuto nel 2004. Nel 1995 Campari ha acquistato il marchio Cynar. Perché lo diciamo? Perché siamo di fronte a un altra bibita alcolica legata a doppio filo con il Ticino. Il suo inventore - Angelo Dalle Molle - dopo aver venduto la società fondò a Lugano l’omonima Fondazione di studi sull’intelligenza artificiale.

Ecco come cambierà l’entrata Sud della Svizzera
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 John Robbiani
Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1
  • 2

    «Non facciamo come Lugano»

    Assemblea

    Fiorenzo Dadò alla presentazione delle liste PPD per Chiasso ragiona sul futuro del partito: «Se perdiamo un seggio qui e a Lugano, mi chiedo chi avrà ancora voglia di lottare»

  • 3
  • 4

    A Mendrisio Lega, UDC e UDF puntano al raddoppio

    Elezioni

    Presentata la lista per il Municipio, composta dall’uscente Daniele Caverzasio, Massimiliano Robbiani, Benjiamin Albertalli, Simona Rossini, Nadir Sutter, Roberto Pellegrini e dall’ex procuratore federale Pierluigi Pasi

  • 5
  • 1
  • 1