Ecco la tattica per il futuro delle strutture sportive momò

Mendrisiotto e Basso Ceresio

Un ente si occuperà della gestione coordinata degli impianti, 17 Municipi devono decidere se farne parte - Proposta la ripartizione pro capite dei costi, iniziando da quelli per il riammodernamento della pista di atletica di Chiasso

Ecco la tattica per il futuro delle strutture sportive momò
© CdT/Archivio

Ecco la tattica per il futuro delle strutture sportive momò

© CdT/Archivio

Ormai ci siamo. Dopo circa tre anni e mezzo di preparativi il Mendrisiotto è pronto a gestire le strutture sportive regionali come un’unità. Niente più campanilismi e niente più mancanza di collaborazione. La parola chiave per il futuro è coordinamento.

Le conclusioni di questo progetto - portato avanti in primis da un gruppo di lavoro capitanato dal capidicastero Sport di Coldrerio Gianpiero Ceppi e dai suoi omologhi di Chiasso Davide Lurati e Mendrisio Paolo Danielli, dall’Ente regionale per lo sviluppo del Mendrisiotto e del Basso Ceresio e dalla società di consulenza comal.ch - sono state illustrate nei giorni scorsi nel corso di una riunione a cui hanno partecipato i 17 capidicastero Sport della regione. Un incontro che ha soprattutto visto la presentazione dei risultati della seconda...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1
  • 1