Grave un operaio rimasto ferito a Rancate

Infortunio sul lavoro

L’uomo era intento a trafilare i filati con un macchinario quando è stato colpito al petto da un pezzo staccatosi dall'apparecchiatura - La sua vita è in pericolo

 Grave un operaio rimasto ferito a Rancate
© Rescue Media

Grave un operaio rimasto ferito a Rancate

© Rescue Media

 Grave un operaio rimasto ferito a Rancate

Grave un operaio rimasto ferito a Rancate

 Grave un operaio rimasto ferito a Rancate

Grave un operaio rimasto ferito a Rancate

Questa sera verso le 22 presso un'azienda attiva nella produzione di acciaio in via Maggi a Rancate vi è stato un infortunio sul lavoro. Un 42enne operaio italiano della provincia di Varese era intento a trafilare i filati con un macchinario. Per cause che l'inchiesta di polizia dovrà stabilire, è stato colpito al petto da un pezzo staccatosi dall'apparecchiatura. Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale e i soccorritori del SAM di Mendrisio che dopo aver prestato le prime cure all'uomo lo hanno trasportato all'ospedale. Il 42enne versa in gravi condizioni tali da metterne in pericolo la vita.

Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1
  • 2

    La Villa vescovile aspetta il suo sovrano

    Balerna

    Lo storico edificio resta in attesa di potenziali interessati ma l’impresa non è semplice: i costi di ristrutturazione sono ingenti e vanno rispettati i vincoli dettati dall’Ufficio dei beni culturali - Intanto il coronavirus congela il cantiere per le tre palazzine firmate Botta

  • 3

    Cantieri sincronizzati ma senza una data

    Monte Generoso

    Il progetto per il risanamento di 5,5 chilometri di strade forestali sulle pendici della montagna subirà un ritardo a causa del coronavirus, forse di un anno - Mendrisio nel frattempo chiede 3 milioni per un cantiere parallelo, che sarà coordinato con il primo

  • 4

    «Un’ondata di solidarietà che non mi aspettavo»

    L’intervista

    Dopo essere entrato in contatto con il coronavirus a metà marzo, il sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni si è autoisolato in casa - Da lì ha ripreso a lavorare e ad amministrare la cittadina: ecco come

  • 5
  • 1
  • 1