Il Gran Consiglio si sposta al Mercato coperto

Politica

Visto l’alto numero di contagi la prossima sessione si terrà a Mendrisio

Il Gran Consiglio si sposta al Mercato coperto

Il Gran Consiglio si sposta al Mercato coperto

Il Gran Consiglio si sposta al Mercato coperto di Mendrisio. A causa dell’importante numero di contagi registrato nelle ultime settimane, l’Ufficio presidenziale, su raccomandazione del medico cantonale Giorgio Merlani, ha deciso questa mattina che la prossima sessione (prevista tra il 9 e l’11 novembre) sarà nuovamente fuori dalla capitale. Il Parlamento cantonale, ricordiamo, già negli scorsi mesi aveva tenuto tre sessioni «extra muros» a Palazzo dei congressi di Lugano. In seguito, a metà ottobre era nuovamente tornato a Palazzo delle Orsoline ma un caso positivo registrato durante la sessione (che ha portato anche a due quarantene) ha portato l’Ufficio presidenziale a valutare altre soluzioni. Come ci spiega il presidente del Legislativo Daniele Caverzasio, «il medico cantonale ritiene che la sala di Palazzo delle Orsoline, anche con il plexiglas e le mascherine, sia un po’ piccola per contenere un centinaio di persone in questo momento. Ci ha quindi chiesto di trovare una soluzione che permetta di garantire più spazio tra un deputato e l’altro. Fermo restando che la mascherina resterà obbligatoria per tutti in ogni caso». Senza dimenticare, rimarca Caverzasio, «che questo è un discorso che facciamo oggi, ma non va dimenticato che in dieci giorni la situazione può cambiare di molto, in meglio o in peggio». E la soluzione di Mendrisio, evidenzia il primo cittadino del cantone, «è ottimale anche perché lo stabile del Mercato coperto è sì in gestione alla Città di Mendrisio, ma di proprietà del cantone». Inoltre, aggiunge, «in previsione questa scelta ci garantirebbe maggiore continuità, poiché il Mercato coperto sarebbe disponibile sia per le sessione di novembre che di dicembre». Infine, la struttura «offre tutto ciò che cercavamo anche dal punto di vista della tecnica necessaria per tenere una sessione del Parlamento».

Il «caso» ticinese, con il Parlamento fuori dalle mura del suo Palazzo abituale, non è però isolato. Come evidenzia Caverzasio, «in questo momento l’80% dei parlamenti cantonali lavora in esterna». E in ogni caso, conclude, rinviare la sessione non avrebbe dato un messaggio corretto: «Il Paese funziona e non si sta fermando, di conseguenza anche il Parlamento deve proseguire con i suoi lavori».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    È l’ora del camping di lusso e dei turisti su due ruote

    Territorio

    Mendrisiotto Turismo guarda oltre la pandemia e pianifica il 2021 «pensando positivo» - Tra i progetti che potrebbero concretizzarsi ci sono un campeggio di lusso a Bellavista e nuovi itinerari per biker sul Generoso e sul San Giorgio - Nella regione potrebbero arrivare anche le altalene panoramiche

  • 2

    Idee alternative e originali per un Natale ai tempi del virus

    Distretto

    Il trenino c’è e si trova come sempre nel cuore del villaggio montato al Serfontana. Ma quest’anno non sbufferà: l’allestimento è puramente decorativo - Non sono solo i Mendrisio e Chiasso a pensare a proposte diverse in vista delle feste

  • 3

    Sorprese sotto gli alberi di Mendrisio e Chiasso

    Eventi

    Nei due poli il coronavirus ha cancellato quasi tutti i tradizionali appuntamenti natalizi ma grazie a qualche novità si tenterà comunque di creare un ambiente che, se tutto andrà bene, potrebbe anche essere più festivo del solito - Saranno le luci le grandi protagoniste

  • 4

    Botta e risposta tra PPD e EOC

    Mendrisio

    L’Ente ospedaliero giudica «fake news» l’interrogazione che chiede lumi al Governo sull’indebolimento del reparto di neonatologia - Il partito ribatte: «Non siamo nati ieri»

  • 5

    Il concorso che non piace a diversi agenti di polizia

    Chiasso

    Una nomina interna, non ancora comunque ratificata dal Municipio, ha spinto parte dei collaboratori del Corpo a rivolgersi agli Enti locali per contestare la procedura - La capodicastero: «Sospendiamo l’iter per la tranquillità di tutti, ma siamo certi di aver lavorato correttamente»

  • 1
  • 1