Il Palapenz pronto a rifarsi il look

CHIASSO

Previsti investimenti per 5,5 milioni, in particolare per risanare i cedimenti strutturali e per la manutenzione straordinaria - Gli interventi su due anni, senza chiudere l’impianto

 Il Palapenz pronto a rifarsi il look
© CdT/Archivio

Il Palapenz pronto a rifarsi il look

© CdT/Archivio

Dalla sua edificazione nel 1983, il Palapenz di Chiasso non ha subito interventi significativi, ma per manifesta necessità questo cambierà a breve. Il Municipio ha presentato oggi una richiesta di credito da 5,5 milioni di franchi per risanare la struttura. Gli interventi riguarderanno un po’ tutti gli aspetti del Penz: la struttura portante (deterioratasi negli anni), l’impiantistica, la ventilazione, e le finiture, «ormai vetusti e non più funzionali». Inoltre, si rende necessario adeguare l’impianto alle normative in vigore in ambito di polizia del fuoco, di prevenzione degli infortuni e di accessibilità per le persone disabili, «in considerazione dell’elevate affluenze di persone».

Le opere di manutenzione, scrive ancora il Municipio, saranno diluite su due anni, in particolare intervenendo su una sala e preservando le attività nell’altra. In altre parole si intende far sì che l’impianto - apprezzato anche per manifestazioni non sportive, come i concerti - non rimanga chiuso del tutto per un certo periodo ma possa continuare a essere fruito dalla popolazione. La ristrutturazione, prevede l’Esecutivo, inizierà nel 2021.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    «Luglio? Meglio del solito, ma l’autunno fa paura»

    Ristoranti del Mendrisiotto

    Flavio Quadranti (GastroMendrisiotto): «A fine settembre, quando inizierà a far troppo freddo per mangiare all’esterno, rischiamo davvero di subire nuovi contraccolpi» - Per il settore l’estate, grazie ai turisti e all’annullamento delle sagre, è stata una boccata d’aria fresca

  • 2
  • 3

    Il Governo risponde alle FFS: «Così AlpTransit è disattesa»

    Collegamenti ferroviari

    Il Consiglio di Stato appoggia la richiesta del Mendrisiotto di mantenere i collegamenti Intercity e scrive alle Ferrovie lamentandosi anche del fatto che in generale il traffico su rotaia tra Ticino e Zurigo/Basilea resterà incompleto, e la prospettata maggior frequenza dei treni non realizzata

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1