Il radar che fa discutere anche se non c’è (forse)

Circolazione

L’apparecchio per il rilevamento della velocità lungo la A2 a Balerna è stato rimosso e nelle scorse ore le segnalazioni si sono moltiplicate - I cambiamenti però non sono definitivi

Il radar che fa discutere anche se non c’è (forse)
© CdT/Archivio

Il radar che fa discutere anche se non c’è (forse)

© CdT/Archivio

Fa discutere sia quando c’è, sia quando non c’è. È un destino controverso e quasi ironico quello del radar di Balerna. Posizionato lungo l’A2 nel 2016, ha fatto parlare di sé sin dai primi giorni, visti gli scatti a profusione di cui si è reso protagonista da subito, scatti che lo hanno fatto diventare, con ogni probabilità, il radar più redditizio della Svizzera. E scatti che hanno fatto nascere polemiche oltre confine. Ma c’è anche chi ci ha riso su, nel 2017 il radar è infatti stato protagonista anche del numero di un gruppo carnascialesco.

In questi giorni il rilevatore di velocità fa però parlare perché non è più al suo posto. Durante il weekend le segnalazioni riguardanti la sua rimozione si sono moltiplicate. Fotografie «rubate» dalle auto in transito, messaggi vocali inviati in fretta e furia da chi era di passaggio per informare amici e parenti, eccetera. Il contenuto di queste comunicazioni era tuttavia spesso e volentieri duplice. A fare «notizia» non è infatti stata soltanto la rimozione del radar, ma anche la presenza, poco distante, di un altro apparecchio per il rilevamento della velocità. Un apparecchio che contrariamente al radar fisso di Balerna che si concentrava sulla corsia nord-sud, riscontra le infrazioni degli automobilisti in transito in entrambi i sensi di marcia.

Per capire cosa sta accadendo in quella tratta dell’A2 e se questi cambiamenti sono definitivi, abbiamo contattato la polizia cantonale. «L’apparecchio radar di Balerna è stato solo provvisoriamente rimosso per dei lavori di manutenzione (non ne è stato posato uno in sostituzione) - ci ha fatto sapere l’ufficio stampa della Cantonale -. Al fine di garantire la sicurezza degli utenti della strada e il rispetto dei limiti di velocità, è possibile che nei dintorni vengano allestiti dei controlli mobili temporanei. Ricordando che la velocità elevata permane una delle maggiori cause di incidenti, con esiti pure gravi e/o letali, si rinnova l’invito ai conducenti a rispettare i limiti a tutela della propria incolumità e di quella degli altri utenti della strada».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    Sindaci ai fornelli, stavolta tocca a voi

    Mendrisiotto

    Otto capi di altrettanti Esecutivi di Comuni del Mendrisiotto hanno deciso di mettersi alla prova in cucina preparando piatti da asporto – L’iniziativa dell’osteria Sulmoni ha raccolto un’adesione entusiasta – Meglio gli uccelli scappati oppure il capretto al forno?

  • 2
  • 3

    La Provvida madre cresce ma servono ancora soldi

    Balerna

    Entro la fine dell’anno sarà pronta Casa Ursula, la nuova struttura che ospiterà una ventina di disabili mentali adulti proponendo loro un’occupazione – Il direttore Cattaneo: «Rispettati i tempi di costruzione» – Continua la raccolta di fondi per colmare il budget

  • 4
  • 5

    Giù la serranda sulle librerie: un nuovo ostacolo per la cultura

    IL REPORTAGE

    Il Consiglio federale ha deciso che i libri non fanno parte dei beni di prima necessità - Da lunedì e per cinque settimane si potranno acquistare solo online o su ordinazione - Gli attori del settore: «Siamo amareggiati, il nostro ruolo è centrale nella trasmissione della cultura e nella socialità»

  • 1
  • 1