Il «riscatto» di Mendrisio che si stacca da Lugano

Energia elettrica

Con una spesa di 13,9 milioni il Municipio intende comprare la rete di distribuzione delle AIL a Besazio, Capolago, Meride e Tremona per affidarne la gestione alle AIM – Se ne parla dall’aggregazione del 2013 – Nessun innalzamento delle tariffe all’utenza

Il «riscatto» di Mendrisio che si stacca da Lugano
Le placchette delle AIL saranno presto sostituite da quelle delle AIM. © CdT/Chiara Zocchetti

Il «riscatto» di Mendrisio che si stacca da Lugano

Le placchette delle AIL saranno presto sostituite da quelle delle AIM. © CdT/Chiara Zocchetti

È un’eredità per certi versi scomoda che il Comune di Mendrisio si trascina dal 2013, anno dell’ultima aggregazione. Ma la situazione dovrebbe cambiare a breve. Stiamo parlando dei quattro quartieri – Besazio, Capolago, Meride e Tremona – per i quali la distribuzione di energia elettrica fa ancora capo alle AIL (Aziende industriali di Lugano) SA e non dalle AIM (Aziende industriali di Mendrisio). Della necessità di uniformare il servizio in tutto il comprensorio comunale si parla da tempo e le discussioni si sono protratte per anni. Ora, invece, è stato trovato un accordo fra le parti, tanto che il Municipio del capoluogo intende acquistare la rete di distribuzione di proprietà delle AIL con una spesa di 13,9 milioni di franchi.

Risparmio per il Comune

Diciamo subito che per i clienti, cioè i...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    Aggregazione: il Basso Mendrisiotto guarda anche più a nord

    Territorio

    Nella riunione fra Comuni interessati allo studio preliminare è stato deciso di scrivere una lettera agli altri enti locali del distretto per invitarli a eventualmente partecipare alla fase che dovrà individuare le opportunità di questo progetto - Castel San Pietro intanto ha già detto no

  • 2

    «FeSTI» sostiene il progetto momò SportAcademy

    Società

    La neonata associazione mantello delle principali Federazioni agonistiche ticinesi appoggia la ricerca di fondi per l’iniziativa che vuole far fronte alla carenza di spazi tra Mendrisiotto e Basso Ceresio

  • 3

    La scoperta dell’anno in Ticino si chiama Cuntitt

    Enogastronomia

    L’osteria di Castel San Pietro, aperta proprio durante la pandemia, vince la scommessa e ottiene il prestigioso riconoscimento dalla guida GaultMillau Svizzera - Lo chef Federico Palladino: «Ho rischiato, ma le chiusure forzate ci hanno permesso di sperimentare nuovi sapori»

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1