Incidente con esito letale a Genestrerio

Mendrisiotto

Un 67.enne svizzero è morto dopo esser finito con l’auto contro una casa - FOTO e VIDEO

Incidente con esito letale a Genestrerio
©Rescue Media

Incidente con esito letale a Genestrerio

©Rescue Media

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Incidente con esito letale a Genestrerio

Un incidente stradale con esito letale è avvenuto quest’oggi poco dopo le 12.45 in via Canova a Genestrerio, una strada rettilinea che corre in mezzo ai campi e qualche abitazione. La Polizia cantonale spiega che il conducente, un 67.enne svizzero domiciliato nel Mendrisiotto, ha perso il controllo della sua vettura (all’incrocio con via alla Fornace) ed è andato a sbattere contro un’abitazione sulla sinistra della carreggiata. Dentro non c’era nessuno, come ci racconta una signora che abita nelle vicinanze. «È la prima di un gruppo di casette nuove. Le altre sono abitate, quella no. Non ho visto l’incidente, ma il botto l’ho sentito». Sul posto, oltre alla Cantonale, sono accorsi gli agenti delle Guardie di confine, della Polizia Città di Mendrisio e della Comunale di Chiasso, i pompieri del Mendrisiotto, i sanitari del SAM e quelli della REGA. Tutti, presto, hanno dovuto arrendersi: troppo gravi le ferite riportate dall’automobilista. I successivi esami chiariranno se all’origine di tutto, come si potrebbe pensare, ci sia stato un malore. In caso contrario potrebbe aver giocato un ruolo il fondo stradale bagnato dalla pioggia. Chi ha visto qualcosa telefoni allo 0848/25.55.55.

L’affetto dei colleghi

Il sessantasettenne viveva nella zona ed era in pensione dal 2018 dopo aver lavorato diversi anni per la Fondazione Otaf, occupandosi in particolare dei laboratori di assemblaggio. La direzione, da noi contattata, lo ricorda con tanto affetto. «Era una persona fedele e impegnata che ha mostrato grande umanità verso gli ospiti della nostra struttura. Era rispettato e benvoluto anche dai colleghi e si può dire che con il suo lavoro abbia scritto un pezzo di storia dell’Otaf».

Dinamiche simili

Per la sua dinamica, l’incidente di Genestrerio ricorda quello avvenuto il 25 luglio a Mendrisio e costato la vita a una donna di 73 anni che lavorava in Ticino come collaboratrice domestica. La signora stava circolando su via Borromini quando ad un certo punto, all’incrocio con via Cercera, ha proseguito la sua corsa dritta finendo contro un muro. Vani i tentativi di rianimare la donna, che è morta sul posto, proprio come la vittima dell’incidente di Genestrerio. Anche in questo caso, un’ipotesi è quella del malore

Loading the player...
Incidente con esito letale a Genestrerio
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    Con un laser si può anche far precipitare un velivolo

    Il caso

    I piloti rischiano cecità temporanea, danni permanenti agli occhi e possono perdere pericolosamente l’attenzione quando volano a bassa quota - Tra gli 80 casi annunciati ogni anno all’UFAC, sono una decina gli attacchi con puntatori laser a danno delle Forze aeree

  • 2
  • 3

    Abusò della figlia, condannato a 5 anni

    mendrisiotto

    L’imputato, a sua volta vittima di reati simili da parte del padre, era già finito sotto inchiesta nel 2010 ma le indagini avevano poi portato a un decreto d’abbandono - Arrestato a gennaio, da allora si trova dietro le sbarre

  • 4
  • 5

    Misure più incisive per i migranti problematici

    Chiasso

    Il Municipio scrive a Berna per domandare l’introduzione di sanzioni più severe nei confronti di chi si macchia di episodi di disturbo della quiete pubblica o infrange le regole - Un paio di richiedenti l’asilo sono già stati trasferiti altrove

  • 1
  • 1