Inquinamento, quando l’eccezione diventa la regola

Mendrisiotto

Da inizio giugno registrati a Chiasso solo sei giorni in cui i limiti d’inquinamento non sono stati superati

Inquinamento, quando l’eccezione diventa la regola

Inquinamento, quando l’eccezione diventa la regola

CHIASSO - Difficile dimenticare, malgrado le precipitazioni di questi giorni, l’ondata di calore che ha investito questa parte di mondo alla fine dello scorso mese. Difficile farlo anche perché ha lasciato traccia del suo passaggio; non solo nella stanchezza fisica o nell’introduzione del limite di velocità in autostrada, ma anche nelle misurazioni: a Chiasso, il 26 giugno l’ozono (media oraria massima) ha toccato i 297 microgrammi al metro cubo, quasi tre volte il limite fissato a livello di ordinanza. Dal primo giugno ad oggi nella cittadina sono stati registrati solo sei giorni senza che il limite venisse superato. Com’è noto, la meteorologia si ripercuote direttamente su alcune fedeli costanti della quotidianità ticinese, e, più in particolare, del Mendrisiotto: ozono, polveri fini e diossido...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1
  • 1