Intercity nel Mendrisiotto: la mossa del Cantone

TRASPORTI

Il Consiglio di Stato scrive alle FFS per sostenere la richiesta del distretto mantenere le fermate dei treni a lunga percorrenza

Intercity nel Mendrisiotto: la mossa del Cantone
©CDT/Archivio

Intercity nel Mendrisiotto: la mossa del Cantone

©CDT/Archivio

Sostegno del Cantone in arrivo sul primo binario. Il Consiglio di Stato appoggia il Mendrisiotto nella sua richiesta alle FFS, chiedendo che non vengano ridotti i collegamenti Intercity, e dunque con la linea a lunga distanza. Una lettera in questo senso è stata inviata alle Ferrovie e del tema si discuterà il 24 agosto in un incontro - già tra l’altro previsto da tempo - fissato tra le parti.

La prima risposta delle Ferrovie federali è stato un «no» secco e circostanziato. L’azienda, tra le varie cose, ha fatto notare che il novantacinque percento dei passeggeri del Mendrisiotto si sposta unicamente in Ticino, ragione per cui sono stati potenziati i collegamenti regionali. Spostare passeggeri dalla rete locale a quella a lunga percorrenza, quindi, a mente delle FFS, non avrebbe senso.

Il capo del Dipartimento del Territorio Claudio Zali.  ©CDT/Gabriele Putzu
Il capo del Dipartimento del Territorio Claudio Zali.  ©CDT/Gabriele Putzu
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    Con un laser si può anche far precipitare un velivolo

    Il caso

    I piloti rischiano cecità temporanea, danni permanenti agli occhi e possono perdere pericolosamente l’attenzione quando volano a bassa quota - Tra gli 80 casi annunciati ogni anno all’UFAC, sono una decina gli attacchi con puntatori laser a danno delle Forze aeree

  • 2
  • 3

    Abusò della figlia, condannato a 5 anni

    mendrisiotto

    L’imputato, a sua volta vittima di reati simili da parte del padre, era già finito sotto inchiesta nel 2010 ma le indagini avevano poi portato a un decreto d’abbandono - Arrestato a gennaio, da allora si trova dietro le sbarre

  • 4
  • 5

    Misure più incisive per i migranti problematici

    Chiasso

    Il Municipio scrive a Berna per domandare l’introduzione di sanzioni più severe nei confronti di chi si macchia di episodi di disturbo della quiete pubblica o infrange le regole - Un paio di richiedenti l’asilo sono già stati trasferiti altrove

  • 1
  • 1