L’ex infermiere dell’OBV di Mendrisio resta in carcere

Inchiesta

Prorogata la carcerazione preventiva del 44.enne, ma ci sarà un ricorso. L’accusa principale mossa all’uomo è di aver accelerato, o addirittura provocato, la morte di alcuni pazienti

L’ex infermiere dell’OBV di Mendrisio resta in carcere
(Foto Reguzzi)

L’ex infermiere dell’OBV di Mendrisio resta in carcere

(Foto Reguzzi)

MENDRISIO - L’ex infermiere dell’OBV di Mendrisio accusato, anche, di omicidio per aver accelerato o addirittura causato la morte di alcuni pazienti, alterando il dosaggio di alcuni farmaci, resta in carcere. La conferma è giunta nelle scorse ore da parte del giudice dei provvedimenti coercitivi, chiamato a decidere se prorogare di ulteriori 3 mesi la carcerazione preventiva dell’uomo (dietro le sbarre da dicembre), oppure consentirgli di tornare a casa in attesa del processo.

L’inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore generale Nicola Respini, era partita per dei sospetti di maltrattamenti nei confronti di alcuni pazienti in fase terminale e si era poi allargata a macchia d’olio prendendo appunto in considerazione anche la possibilità che l’ex infermiere abbia ucciso volontariamente alcuni di essi (i decessi sospetti sarebbero tra i 4 e i 6). Un’ipotesi che, se confermata, rappresenterebbe probabilmente il più grave fatto del genere mai accaduto in Ticino.

Le accuse nei confronti del 44.enne residente nel Mendrisiotto sono numerose: lesioni gravi, coazione, lesioni semplici e vie di fatto reiterate, ma anche omicidio intenzionale, subordinatamente omicidio colposo e, stando a quanto riferito dal Caffè nelle ultime settimane, violazione della privacy, in quanto nel cellulare dell’uomo sarebbero state trovate decine di fotografie di pazienti ricoverati all’OBV.

Tornando alla recente decisione del giudice dei provvedimenti coercitivi, l’ex infermiere e la sua legale hanno già deciso di inoltrare ricorso, come conferma l’avvocatessa Micaela Antonini Luvini. Il 44.enne nega le accuse a suo carico ma ammetterebbe un comportamento poco conforme al contesto sanitario.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1
  • 1