L’ottica di genere per una Città paritaria ed equa

Mendrisio

Un’analisi del capoluogo momò che si basa sulle peculiarità di donne e uomini suggerisce come correggere le disparità

L’ottica di genere per una Città paritaria ed equa
© CdT/Archivio

L’ottica di genere per una Città paritaria ed equa

© CdT/Archivio

È stato un lavoro lungo e articolato quello che ha portato alla conferenza stampa organizzata oggi nel palazzo comunale di Mendrisio. Questo non è tuttavia un punto di arrivo, bensì di partenza, è stato evidenziato in apertura dal sindaco Samuele Cavadini.

Nel capoluogo momò è giunto il momento del Bilancio di genere, lo studio voluto - l’idea è stata lanciata nel 2016 con una mozione interpartitica - per analizzare la Città in ottica di genere e ottimizzare poi processi, servizi, strutture, eccetera.

I campi di applicazione di un’analisi simile sono talmente ampi che la stessa può, a primo impatto, sembrare vaga. Nel concreto sono però molte le azioni che un’amministrazione comunale può fare con l’intento di «leggere la realtà in ottica paritaria», ha premesso la municipale Françoise Gehring.

L’obiettivo sono infatti le pari opportunità: a livello di accesso alle posizioni di lavoro e di salario, a livello di infrastrutture, a livello di conciliabilità tra famiglia e impiego, a livello di offerte ricreative e di svago, a livello di risorse a disposizione, eccetera. «Tutti i dicasteri possono fare tesoro di tale studio - ha aggiunto Francesca Luisoni -, per quello che mi riguarda ad esempio nel campo della Pianificazione si può pensare a una pianificazione cittadina in ottica paritaria, con marciapiedi adatti alle carrozzine, con trasporti pubblici accessibili a tutti, eccetera».

Lo studio, partendo da un’analisi sociodemografica della popolazione, ha portato a una metaforica fotografia - che la volontà è di far diventare sempre più nitida - delle esigenze della cittadinanza e della risposta da parte dell’amministrazione comunale. L’auspicio finale è di «valorizzare il punto di vista delle donne dando spazio e visibilità alla differenza di genere anche fuori dai luoghi istituzionali. Dare piena attuazione alla demografia partecipata, che ancora manifesta forme più o meno evidenti di disparità di genere», si legge nello studio.

«Il Bilancio di genere è uno strumento politico perché contribuisce alla costruzione di un’agenda politica consapevole di una diversa ripartizione delle risorse tra uomini e donne», ha detto Gehring.

Cosa succede ora? Il prossimo passo è la creazione di un gruppo di lavoro, a cui sarà affidato il compito di sviluppare «un piano d’azione», ha concluso il sindaco. Per tematizzare l’argomento, inoltre, nei prossimi giorni saranno organizzate due serate pubbliche.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    Nel Mendrisiotto prima del lockdown si stappava lo champagne

    Turismo

    Periodo inaspettatamente fortunato quello vissuto prima della pandemia, con i pernottamenti momò che nel 2019 erano addirittura raddoppiati - Ci sono anche stati investimenti nelle strutture ricettive e la qualità è generalmente apprezzata

  • 2
  • 3

    Con un laser si può anche far precipitare un velivolo

    Il caso

    I piloti rischiano cecità temporanea, danni permanenti agli occhi e possono perdere pericolosamente l’attenzione quando volano a bassa quota - Tra gli 80 casi annunciati ogni anno all’UFAC, sono una decina gli attacchi con puntatori laser a danno delle Forze aeree

  • 4
  • 5

    Abusò della figlia, condannato a 5 anni

    mendrisiotto

    L’imputato, a sua volta vittima di reati simili da parte del padre, era già finito sotto inchiesta nel 2010 ma le indagini avevano poi portato a un decreto d’abbandono - Arrestato a gennaio, da allora si trova dietro le sbarre

  • 1
  • 1