La maternità resta all’OBV: «Tiriamo un sospiro di sollievo»

Sanità

Raffaele De Rosa ha fugato i dubbi sulla ventilata chiusura dei reparti di ostetricia e neonatologia, temporaneamente trasferiti a Lugano nell’ambito della lotta alla COVID-19 - Soddisfatte le formazioni politiche – Matteo Muschietti: «Non abbassiamo la guardia»

La maternità resta all’OBV: «Tiriamo un sospiro di sollievo»
© CdT/Archivio

La maternità resta all’OBV: «Tiriamo un sospiro di sollievo»

© CdT/Archivio

Il brivido che aveva attraversato l’intero Mendrisiotto si è infine rivelato privo di fondamento: i reparti di ostetricia e neonatologia dell’Ospedale Beata Vergine (OBV) di Mendrisio torneranno, dopo il temporaneo trasferimento a Lugano nell’ambito della strategia anti-COVID-19, nella sede originaria e, quindi, a «casa». Un termine, questo, intenzionalmente scelto per la sua forte carica emotiva, tanto intenso è il legame che gli abitanti del distretto hanno con il loro nosocomio di riferimento e tanto cari sono loro gli innegabili e innumerevoli benefici della medicina di prossimità. Quanto dichiarato dal direttore del DSS Raffaele De Rosa durante la sessione parlamentare ha infatti permesso di fugare ogni dubbio e consentito a cittadini e politici di tornare a prendere le voci attorno all’ipotetico...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1
  • 1