Sistemazione provvisoria

La nuova piazza del Ponte è «tutto sommato abbastanza soddisfacente»

Il gruppo promotore del referendum sulla piazza di Mendrisio valuta in modo piuttosto positivo i lavori di riqualificazione e ampliamento ormai ultimati

La nuova piazza del Ponte è «tutto sommato abbastanza soddisfacente»
(Foto Reguzzi)

La nuova piazza del Ponte è «tutto sommato abbastanza soddisfacente»

(Foto Reguzzi)

MENDRISIO - «Premesso che si tratta di una soluzione temporanea, il comitato referendario valuta in modo tutto sommato abbastanza soddisfacente il risultato finora ottenuto».

Con l’avanzare dei lavori di riqualifica e ampliamento di piazza del Ponte, a Mendrisio, non sono mancate le critiche, soprattutto legate all’asfalto scelto per pavimentare l’area un tempo occupata dall’ex Jelmoli (vedi CdT del 4 luglio). Per il comitato referendario «Un’effimera piazza del Ponte? No grazie» – promotore del referendum del settembre 2016 con cui la popolazione ha deciso di bocciare la pianificazione proposta dal Municipio – la nuova veste della piazza è però apprezzabile.

«La demolizione dello stabile ex Jelmoli ha senza dubbio valorizzato notevolmente il comparto. Anche alcune criticità sul lato occidentale dell’area, peraltro già attenuate in questa fase, potranno senz’altro essere risolte attraverso interventi di arredo non invasivi nell’ambito della sistemazione definitiva», si legge in un comunicato firmato dal presidente del comitato Giampaolo Baragiola.

L’asfalto, i grandi vasi e i lampioni

Piccole critiche, anche se costruttive, però non mancano. «Una maggiore sensibilità architettonica nella scelta degli arredi fissi e mobili» sarebbe stata auspicabile, si spiega. «La fresatura dell’asfalto dell’area ex Jelmoli ha in parte risolto l’originario discutibile risultato dell’utilizzo di materiali poco consoni con il delicato contesto urbanistico. Il comitato referendario ritiene che se questa operazione «fosse stata estesa anche alla superficie attorno ai sette vasi posti a semicerchio e all’area antistante all’ex Albergo Commercio il risultato avrebbe potuto essere assai più soddisfacente. Anche l’ubicazione e il modello dei lampioni, uguali a quelli collocati lungo le strade principali, sono poco confacenti alla piazza di un nucleo storico. Infine i vasi, non da ultimo per la loro tonalità molto scura, appaiono un po’ sovradimensionati. Eccetto queste puntuali osservazioni, una volta posate le panchine, la fontana e i cordoli in pietra per rallentare e limitare al minimo indispensabile l’accesso veicolare su via Lavizzari, il cuore di Mendrisio avrà comunque una dignitosa piazza del Ponte provvisoria».

In conclusione il gruppo ribadisce che l’attuale sistemazione è temporanea e spiega di aver fatto «formale richiesta al Municipio per essere ricevuto e aggiornato» sulla sistemazione definitiva del comparto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1
  • 2
    Valle di Muggio

    Ecco come la tassa sul sacco ha reso Breggia virtuosa

    Dall’introduzione del sacco ufficiale, in sei mesi, i rifiuti solidi urbani raccolti sono calati di circa il 20%. Il sindaco: «Con il tempo gli abusi sono quasi spariti, ora la popolazione è a suo agio con le novità»

  • 3
  • 4
    Mendrisiotto

    Laveggio: il parco si completa come un puzzle

    È un momento cruciale per il progetto che mira alla realizzazione di un parco ubrano tra Riva e Stabio - «Sarebbe bello se i Comuni coinvolti si coordinassero di più»

  • 5
    Progetto

    Una ferita nel nucleo di Stabio

    I lavori per il previsto complesso immobiliare da 50 milioni di franchi nell’area ex Rapelli non sono ancora partiti - La vicenda si è trasformata in un contenzioso su due fronti tra Municipio e promotori del piano edilizio

  • 1