La strategia di Chiasso per la ripartenza

Post pandemia

Chiesto un credito quadro di oltre 2 milioni per contrastare gli effetti negativi del coronavirus e sostenere popolazione ed economia – Tra rilancio digitale e sostegno alle aziende,
molte le ricette proposte, tra cui una serie di interventi a titolo di investimento per 1,35 milioni di franchi

La strategia di Chiasso per la ripartenza
Uno degli interventi proposti riguarda le fontane in Piazza Indipendenza. © CdT/Archivio

La strategia di Chiasso per la ripartenza

Uno degli interventi proposti riguarda le fontane in Piazza Indipendenza. © CdT/Archivio

L’importanza della manovra, se mai ci fosse ulteriore necessità di dimostrarla, traspare dalla cifra: 2 milioni e 110 mila franchi. A tanto ammonta il credito quadro straordinario richiesto «per contrastare gli effetti negativi della pandemia COVID-19», si legge in un messaggio del Municipio di Chiasso. Le ricette proposte sono molteplici (e vanno ad aggiungersi alle prime misure decise nelle scorse settimane): misure di breve e medio/lungo periodo, investimenti a favore dell’economia locale e incentivi a favore dell’efficienza energetica e dello sfruttamento delle energie rinnovabili negli edifici.

Espressioni apparentemente sterili, queste, ma dietro cui si nascondono non solo il grande impegno e le proposte di tre gruppi misti di lavoro (istituiti dal Municipio e composti da rappresentanti...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1
  • 1