Lo sconto benzina è un flop: due centesimi è troppo poco

Confine

L’App per usufruire della riduzione in Italia si sta rivelando un buco nell’acqua

Lo sconto benzina è un flop: due centesimi è troppo poco
© CdT/Gabriele Putzu

Lo sconto benzina è un flop: due centesimi è troppo poco

© CdT/Gabriele Putzu

Certamente qualcuno di voi lettori ricorderà la situazione di anni fa quando i distributori di carburante della zona di confine erano letteralmente presi d’assalto dagli automobilisti italiani, e non solo frontalieri: il divario del prezzo alla pompa fra Ticino e Lombardia era talmente alto che per fare il pieno valeva la pena per gli abitanti a ridosso del confine fare un salto da noi. Ciò voleva dire grandi affari per i gestori ticinesi che ai clienti vendevano anche altri prodotti di frontiera come sigarette e cioccolato.

Poi in Lombardia era arrivata la carta sconto per gli automobilisti che di fatto riduceva la differenza di prezzo, tanto da rendere meno interessante il pieno in Svizzera. La carta sconto fu poi abolita nel gennaio scorso, per essere però reintrodotta con nuove modalità il 27 novembre scorso (fra l’altro la riduzione non vale per il rifornimento di gasolio). Ma già dopo una settimana, con le attuali condizioni, si può dire che l’operazione è un flop. Un fiasco definito addirittura «annunciato» secondo taluni quotidiani italiani. Su un bacino potenziale di mezzo milione di persone nelle province di Como, Varese e Sondrio, solo in 15.000 ne hanno approfittato.

I motivi del fiasco

La causa del fiasco è dovuta all’irrisoria entità dello sconto: 2 centesimi di euro al litro. In più, il ribasso viene accordato solamente a coloro che abitano nella cosiddetta fascia A, ovvero entro 10 chilometri dal confine.

In questo contesto, semmai, potrebbe entrare in linea di conto anche una certa complessità per poter godere della riduzione. Il progetto messo in atto dalla Regione Lombardia prevede l’utilizzo di un’apposita App che in pratica sostituisce la carta sconto. La si può scaricare gratuitamente su tutte le piattaforme ma per attivarla occorre lo Spid o in alternativa la carta d’identità elettronica. «Ogni volta che si fa il pieno il sistema genera un codice da mostrare al gestore dell’impianto di rifornimento che, dopo aver inserito i dati del cliente, il codice del nuovo rifornimento e il numero dei litri erogati sulla propria applicazione, attende l’autorizzazione che conclude l’operazione per attribuire lo sconto. Per i trasgressori sono previste delle sanzioni da 500 a 3.000 euro, oltre al ritiro dell’identificativo impropriamente utilizzato» spiegava sabato il sito online de Il Giorno.

Ma come si arriva a calcolare il ribasso di 2 centesimi? La «colpa» è del meccanismo automatico di calcolo previsto dalle legge che prevede un rilevamento ufficiale da parte dell’ambasciata italiana a Berna dei costi dei carburanti in Ticino e in Lombardia. L’ultima misurazione indicava una differenza di 7 centesimi al litro, ovvero 2 in più rispetto al limite di 5 stabilito per fare scattare lo sconto.

Nuovi rilevamenti

Dal canto loro i gestori di distributori di carburante per contenere l’emorragia di clienti li invitano a scaricare ugualmente l’App, confidando sul fatto che il successivo rilevamento possa ampliare le differenze di prezzo, aggiornando così lo sconto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    Tiratori armati di pazienza: lavori allo stand in ritardo

    Morbio Superiore

    Il rinnovo del poligono della Rovagina avrebbe dovuto iniziare in questi giorni - Un’autorizzazione federale si è però fatta attendere diversi mesi e il cantiere è slittato di almeno un anno - A breve però sarà staccata la licenza edilizia e si potrà procedere con le richieste di credito ai Legislativi

  • 2

    Il mulino può ripartire, c’è la licenza edilizia

    Maroggia

    L’Esecutivo ha rilasciato martedì sera l’autorizzazione per la ricostruzione dell’edificio distrutto dalle fiamme nel novembre del 2020 – Il titolare Alessandro Fontana: «Adesso andiamo avanti a tutto gas» – L’obiettivo, fra un anno, è quello di collaudare l’impianto

  • 3

    Tour de Suisse: si dovrà sudare sul circuito momò

    Ciclismo

    La tappa del 16 giugno del Tour de Suisse sarà interamente ticinese con arrivo a Novazzano - I corridori percorreranno tre volte un anello comprendente l’Acqua fresca, la salita di Pedrinate e quella della Torraccia - Gli organizzatori: «Tracciato impegnativo con ascese fino al 16%»

  • 4

    Oltre la ramina a Stabio per sfuggire alle persecuzioni

    Frontiere

    Una donna ebrea milanese, accompagnata dal marito, è tornata a Stabio, nel punto dove nel 1943 attraversò il confine e in modo rocambolesco raggiunse la salvezza – Bruna Cases: «Un momento di grande commozione, sappiamo di essere stati molto fortunati»

  • 5

    La Disneyland momò che non volle nessuno

    Tuffo nel passato

    Sono trascorsi 50 anni da quando fu presentato il progetto per realizzare un enorme parco divertimenti tra Novazzano e Coldrerio – Avrebbe dovuto chiamarsi Pisulino City e ospitare decine di attrazioni – L’iniziativa provocò una sollevazione popolare

  • 1
  • 1