Malgrado tanta generosità, l’allarme non è rientrato

Mendrisio

L’Associazione monitori e animatori non è ancora uscita dalla crisi in cui è finita a causa del virus - Il rischio di dover chiudere è concreto ma il gruppo si sta reinventando per cercare fonti di entrata alternative: «Vogliamo renderci utili»

Malgrado tanta generosità, l’allarme non è rientrato

Malgrado tanta generosità, l’allarme non è rientrato

Malgrado tanta generosità, l’allarme non è rientrato

Malgrado tanta generosità, l’allarme non è rientrato

«Sono ormai due anni che sopravviviamo grazie alla generosità della gente, non possiamo continuare a chiedere soldi in giro, questa non può essere una soluzione a lungo termine». Dalle parole di Michele Aramini, presidente dell’Associazione monitori e animatori colonie (AMAC) trapela preoccupazione. Per il gruppo mendrisiense che organizza colonie estive e momenti di svago per ragazzi l’emergenza non è evidentemente superata.

Il grido d’allarme

Sono trascorsi alcuni mesi da quando, lo scorso inverno, durante l’assemblea Aramini aveva lanciato un grido d’allarme: «Non abbiamo più soldi, rischiamo di dover chiudere». Lo abbiamo ricontattato per capire come è evoluta la situazione e se i tempi, economicamente, sono un po’ più tranquilli. Ma capiamo subito che l’incertezza è ancora molta. «Siamo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1
  • 1