Morti sospette al Beata Vergine, l’EOC apre un’inchiesta interna

Mendrisio

Stando a indiscrezioni pubblicate dal Caffè, l’Ente ospedaliero cantonale vuole capire perché in quel reparto nessuno abbia notato la condotta anomala dell’infermiere 45.enne

Morti sospette al Beata Vergine, l’EOC apre un’inchiesta interna
© CdT/Archivio

Morti sospette al Beata Vergine, l’EOC apre un’inchiesta interna

© CdT/Archivio

Si torna a parlare dell’infermiere 45.enne sospettato della morte di 17 pazienti all’ospedale Beata Vergine di Mendrisio a partire dal 2014. Secondo quanto riporta oggi il Caffé, l’EOC avrebbe aperto un’inchiesta interna.

L’indagine dovrebbe rispondere ad alcuni quesiti, tra cui come è stato possibile che l’infermiere abbia potuto alterare il dosaggio di alcuni farmaci senza che nessuno dei suoi colleghi sospettasse nulla? E come è possibile che si sia dovuto attendere le segnalazioni di uno stagista?

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1
  • 1