«Non toglieteci la possibilità di guardare verso le stelle»

Monte Generoso

La Società astronomica ticinese deplora la decisione di chiudere l’osservatorio in vetta - Renzo Ramelli: «È un telescopio di eccellente qualità e se mancano visitatori è solo perché sono costretti ad andarsene prima di mezzanotte»

«Non toglieteci la possibilità di guardare verso le stelle»
©Shutterstock

«Non toglieteci la possibilità di guardare verso le stelle»

©Shutterstock

La Società astronomica ticinese non ci sta e ha deciso di farsi sentire. «Siamo venuti a conoscenza della decisione di chiudere l’osservatorio del Monte Genereoso e trasferire la strumentazione oltre Gottardo, e non possiamo che esprimere il nostro sconcerto per la volontà di privare il Ticino di un fiore all’occhiello».

L’annuncio della chiusura dell’osservatorio astronomico è stato fatto nei giorni scorsi dai vertici della Ferrovia Monte Generoso che motivano la decisione basandosi sui dati dei visitatori. «L’interesse - era stato spiegato - è andato sempre più scemando, e benché siano stati intrapresi numerosi colloqui con potenziali gestori in Ticino, non si è riusciti a trovare una soluzione valida per il futuro».

Si poteva restare a dormire

Ma, appunto, la Società astronomica - per voce...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1
  • 2
  • 3

    La Villa vescovile aspetta il suo sovrano

    Balerna

    Lo storico edificio resta in attesa di potenziali interessati ma l’impresa non è semplice: i costi di ristrutturazione sono ingenti e vanno rispettati i vincoli dettati dall’Ufficio dei beni culturali - Intanto il coronavirus congela il cantiere per le tre palazzine firmate Botta

  • 4

    Cantieri sincronizzati ma senza una data

    Monte Generoso

    Il progetto per il risanamento di 5,5 chilometri di strade forestali sulle pendici della montagna subirà un ritardo a causa del coronavirus, forse di un anno - Mendrisio nel frattempo chiede 3 milioni per un cantiere parallelo, che sarà coordinato con il primo

  • 5

    «Un’ondata di solidarietà che non mi aspettavo»

    L’intervista

    Dopo essere entrato in contatto con il coronavirus a metà marzo, il sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni si è autoisolato in casa - Da lì ha ripreso a lavorare e ad amministrare la cittadina: ecco come

  • 1
  • 1