Nuovo Liceo cantonale di Mendrisio: il progetto DASOS vince il concorso per la progettazione

ticino

La realizzazione del nuovo Liceo, per cui è previsto un investimento complessivo massimo di 24,95 milioni di franchi, è prevista indicativamente entro il 2028

Nuovo Liceo cantonale di Mendrisio: il progetto DASOS vince il concorso per la progettazione
© dfe

Nuovo Liceo cantonale di Mendrisio: il progetto DASOS vince il concorso per la progettazione

© dfe

Nuovo Liceo cantonale di Mendrisio: il progetto DASOS vince il concorso per la progettazione
© cfe

Nuovo Liceo cantonale di Mendrisio: il progetto DASOS vince il concorso per la progettazione

© cfe

Nel mese di novembre del 2019 il Gran Consiglio ha approvato un credito quadro di 60 milioni di franchi per il finanziamento delle procedure di concorso e progettazione di opere nell’ambito della logistica dello Stato per il quadriennio 2020-2023, nel quale si inserisce anche il comparto scolastico di Mendrisio.

Quest’ultimo è composto da una serie di edifici, quali la Scuola media, il Liceo, il Centro Professionale Tecnico (CPT), le palestre e i posteggi e in futuro accoglierà anche gli spazi comuni quali la refezione scolastica, la biblioteca, l’aula magna ed un’eventuale centrale termica. Complessivamente gli edifici necessitano di interventi di ristrutturazione, sostituzione e nuove edificazioni.

In questo contesto il nuovo Liceo di Mendrisio costituisce la prima tappa della ridefinizione del comparto scolastico secondo il masterplan per il suo riassetto urbanistico ed edificatorio. Sono previste la demolizione dello stabile attuale e la realizzazione di un nuovo edificio, per la cui progettazione è stato indetto, lo scorso 6 novembre, un concorso, organizzato e diretto dalla Sezione della logistica del Dipartimento delle finanze e dell’economia (DFE).

La realizzazione del nuovo Liceo, per cui è previsto un investimento complessivo massimo di 24,95 milioni di franchi, è prevista indicativamente entro il 2028. Il nuovo Liceo accoglierà circa 650 allievi in un edificio in legno, composto da 65 aule didattiche e relativi locali di supporto, 15 spazi per i docenti, 3 aule allievi e dai necessari spazi amministrativi-funzionali-tecnici, il tutto permeato da oltre 850mq di superfici di studio aperte e spazi espositivi e di incontro per gli studenti.

Al concorso per la progettazione hanno partecipato 30 studi di architettura. La giuria, presieduta dall’arch. Lorenzo Giuliani e i cui lavori sono stati coordinati da Studi Associati SA, si è riunita per una prima fase di selezione il 23 febbraio 2021 e il 25 maggio 2021 per valutare gli 8 progetti precedentemente selezionati.

Ha vinto il progetto “DASOS”, presentato dal gruppo mandatario interdisciplinare capitanato dalla comunità di lavoro Conte Pianetti Zanetta Architetti Sagl - AETC Sarl di Carabbia e Ginevra (architettura), e composto dagli studi Cristina Zanini Sagl di Carabbia (ingegneria civile), Think Exergy SA di Mendrisio (ingegnere impianti RVCS) e Erisel SA di Bellinzona (ingegnere impianti elettrici, fisica della costruzione e sicurezza antincendio).

Il progetto è stato scelto all’unanimità dalla giuria perché ritenuto quello che meglio risolve l’inserimento del complesso nel contesto circostante, generando relazioni interessanti verso gli edifici circostanti, e che meglio ha sviluppato il concetto della nuova didattica scolastica prevista dal committente.

Al secondo posto si è classificato il progetto “LE VERDI COLLINE” del gruppo mandatario interdisciplinare guidato dallo studio Tocchetti Architetti e Ingegneri di Lugano e al terzo il progetto “SINTROPIA” del gruppo mandatario interdisciplinare capitanato da Gaggini Studio d’Architettura di Lugano.

Gli altri progetti ammessi alla seconda fase del concorso sono stati il progetto “CORE” guidato dello studio dueA architetti Sagl di Lugano, il progetto “DOMINI” capitanato dello studio Luca Pessina Architetti SA di Lugano, il progetto “INCONTRO NELLO SPAZIO” guidato della comunità di lavoro Montemurro Aguiar Architetti - Architetto Roberto Briccola di Mendrisio, il progetto “LIKAE” capitanato dello studio Vannini e Pelfini architetti Sagl di Locarno ed il progetto “LIMELINK” guidato dello studio Davide Macullo Architects SA di Lugano.

Il 5 luglio 2021 alle ore 17.00, presso la palestra delle Scuole Medie di Mendrisio, è prevista l’inaugurazione dell’esposizione di tutti i progetti che hanno partecipato al concorso. L’esposizione rimarrà aperta da lunedì 5 luglio a venerdì 16 luglio e sarà visitabile liberamente nei giorni feriali dalle ore 09.00 alle ore 11.30 e dalle ore 14.00 alle ore 17.00.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    Riparato il buco, la riapertura della pista di Chiasso non è lontana

    Sport e tempo libero

    La struttura del ghiaccio potrebbe essere di nuovo agibile in tempi più brevi rispetto a quanto temuto – I tecnici stanno sanando sanand il problema della fuoriuscita di CO2 dall’impianto di refrigerazione – Buone notizie per le società sportive cittadine che hanno dovuto migrare

  • 2

    L’assalto al Mendrisiotto e l’anno del Grande Giro

    Turismo

    Per Mendrisiotto Turismo quello che sta per concludersi è stato un anno «con numeri mai visti» per quanto riguarda i pernottamenti – In attesa dei dati completi l’OTR guarda al futuro e ai progetti in arrivo nel 2022, tra cui spicca un lungo percorso ad anello per mountain bike

  • 3
  • 4

    Grandine e neve sul Ticino

    Maltempo

    Un fronte freddo sta attraversando la regione alpina – MeteoSvizzera agli automobilisti: «Attenzione, con le schiarite è molto alto il rischio di formazione di ghiaccio»

  • 5
  • 1
  • 1