Pianspessa senza segreti e vicina alla rinascita

Valle di Muggio

La masseria sulle pendici del Generoso ha aperto le sue porte al pubblico che per due giorni ha potuto visitarla accompagnato ai promotori del disegno di recupero

 Pianspessa senza segreti e vicina alla rinascita
©CDT/GABRIELE PUTZU

Pianspessa senza segreti e vicina alla rinascita

©CDT/GABRIELE PUTZU

 Pianspessa senza segreti e vicina alla rinascita

Pianspessa senza segreti e vicina alla rinascita

 Pianspessa senza segreti e vicina alla rinascita

Pianspessa senza segreti e vicina alla rinascita

 Pianspessa senza segreti e vicina alla rinascita

Pianspessa senza segreti e vicina alla rinascita

 Pianspessa senza segreti e vicina alla rinascita

Pianspessa senza segreti e vicina alla rinascita

 Pianspessa senza segreti e vicina alla rinascita

Pianspessa senza segreti e vicina alla rinascita

C’è chi l’ha definito un posto magico e chi ha paragonato il progetto di cui è protagonista un viaggio nel tempo. Da quando ha cominciato a far parlare di sé la masseria di Pianspessa è in ogni caso entrata nel cuore di tanti. Vuoi per la sua storia (la sua costruzione è attribuibile a un noto architetto, Simone Cantoni vissuto tra il 1739 e il 1818), vuoi per la sua posizione suggestiva sulle pendici del monte Generoso e affacciata sulla Valle di Muggio, vuoi perché il sogno dei due fratelli momò che si sono lanciati in quell’avventura che è il suo restauro e la sua valorizzazione ha colpito molte persone.

Parola d’ordine: condividere

È quindi anche per coinvolgere le persone a cui la rinascita del podere è entrata nel cuore che questo fine settimana la masseria ha aperto le sue porte al pubblico,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Lidia Travaini
Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    C’è l’accordo coi contadini per la centrale a biogas a Stabio

    Energia

    Gli agricoltori del distretto forniranno scarti, liquami e letame per ricevere in contropartita prodotti fertilizzanti naturali – Partirà l’anno prossimo la costruzione dell’impianto che sarà operativo nel 2023 – Corrado Noseda: «Sono in corso trattative per ricevere e lavorare anche i residui alimentari»

  • 2

    Fondovalle troppo edificato? «Inverdiamo le aziende»

    Mendrisio

    Una mozione propone di creare le condizioni (pianificatorie) per rendere interessante e allettante la creazione di tetti e pareti verdi sugli edifici industriali - La volontà è anche di rendere la Città un esempio da seguire

  • 3

    Aggregazione: il Basso Mendrisiotto guarda anche più a nord

    Territorio

    Nella riunione fra Comuni interessati allo studio preliminare è stato deciso di scrivere una lettera agli altri enti locali del distretto per invitarli a eventualmente partecipare alla fase che dovrà individuare le opportunità di questo progetto - Castel San Pietro intanto ha già detto no

  • 4

    «FeSTI» sostiene il progetto momò SportAcademy

    Società

    La neonata associazione mantello delle principali Federazioni agonistiche ticinesi appoggia la ricerca di fondi per l’iniziativa che vuole far fronte alla carenza di spazi tra Mendrisiotto e Basso Ceresio

  • 5

    La scoperta dell’anno in Ticino si chiama Cuntitt

    Enogastronomia

    L’osteria di Castel San Pietro, aperta proprio durante la pandemia, vince la scommessa e ottiene il prestigioso riconoscimento dalla guida GaultMillau Svizzera - Lo chef Federico Palladino: «Ho rischiato, ma le chiusure forzate ci hanno permesso di sperimentare nuovi sapori»

  • 1
  • 1