Quando a Chiasso c’era il cinema a luci rosse

La storia e gli aneddoti degli anni in cui il Cinema Teatro proiettava pellicole hot - La struttura, meta fissa dei frontalieri, è stata gestita per sessant’anni dai fratelli Pagani

Quando a Chiasso c’era il cinema a luci rosse

Quando a Chiasso c’era il cinema a luci rosse

Quando a Chiasso c’era il cinema a luci rosse

Quando a Chiasso c’era il cinema a luci rosse

CHIASSO - Lo stile architettonico dello stabile è rimasto quello degli anni '30, le programmazioni che si sono susseguite nel tempo al Cinema Teatro di Chiasso sono state però delle più varie. Nata come sala di proiezione dei classici alla «Via col vento», non tutti ricordano che la struttura ha ospitato per decenni anche pellicole, diciamo così, più audaci. Eh sì, Chiasso ha dei lunghi trascorsi di proiezioni di film a luci rosse che, a suon di gemiti e sospiri, a suo tempo, avevano permesso di dare nuova vita ad un cinema che rischiava di essere oscurato dalla concorrenza. «La programmazione vietata ai minori è arrivata negli anni '70 soppiantando pian piano il tradizionale cinematografo e gli spettacoli teatrali». A ripercorrere con noi la storia del Cinema Teatro è il chiassese Antonio Pagani, figlio e nipote dei gestori della struttura dalla sua apertura nel 1935 fino a quando, 25 anni fa, il sipario si è abbassato. «I film per adulti, inizialmente, venivano proposti solo in seconda serata. Ma ben presto, il pubblico in attesa all'esterno è diventato molto più numeroso rispetto a quello presente ai colossal della prima serata». I gestori, fatti due conti, si sono quindi decisi per un cambiamento di rotta concentrandosi sull'offerta che andava per la maggiore. Nel suo racconto Pagani ripercorre con noi gli aneddoti del passato, dalle code all'entrata fino delle sale alle tattiche per far credere che le scene di nudo fossero anche più frequenti della realtà.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1
    Post pandemia

    La strategia di Chiasso per la ripartenza

    Chiesto un credito quadro di oltre 2 milioni per contrastare gli effetti negativi del coronavirus e sostenere popolazione ed economia – Tra rilancio digitale e sostegno alle aziende,
    molte le ricette proposte, tra cui una serie di interventi a titolo di investimento per 1,35 milioni di franchi

  • 2
    mendirisio

    Riduzioni degli orari all’OBV, «solo un disguido»

    La direzione dell’EOC reagisce all’interpellanza di Augustoni, Fonio e Pagani spiegando che si è trattato di «un’inesatta comunicazione interna» e che gli orari del pronto soccorso pediatrico non diminuiranno

  • 3
    Sanità

    La maternità resta all’OBV: «Tiriamo un sospiro di sollievo»

    Raffaele De Rosa ha fugato i dubbi sulla ventilata chiusura dei reparti di ostetricia e neonatologia, temporaneamente trasferiti a Lugano nell’ambito della lotta alla COVID-19 - Soddisfatte le formazioni politiche – Matteo Muschietti: «Non abbassiamo la guardia»

  • 4
    Attrazioni

    Non solo sport nel futuro di Seseglio

    La modifica di Piano regolatore proposta dal Comune di Chiasso apre le porte alla creazione di un centro multifunzionale che potrà ospitare anche contenuti ricreativi e turistici - Per il Municipio «la struttura polivalente andrà a coprire una lacuna nell’offerta regionale

  • 5
  • 1