Rapina al distributore di Novazzano, preso l’autore

Criminalità

Arrestato dalla polizia cantonale un 47.enne comasco per l’assalto alla stazione Eni Piccadilly

Rapina al distributore di Novazzano, preso l’autore
Foto Rescue Media

Rapina al distributore di Novazzano, preso l’autore

Foto Rescue Media

NOVAZZANO - Il rapinatore che la sera del 6 aprile scorso ha assaltato l’area di servizio Piccadilly di Novazzano, sarebbe un quarantasettenne comasco. È stato arrestato nelle ultime ore dalla polizia cantonale, che lo ha individuato quando si trovava in territorio elvetico. La sera del colpo a due passi dal valico di Brusata il bandito si era presentato alle 21.30, in abiti sportivi scuri e con in testa un casco integrale, che non lasciavano trasparire nulla delle sue caratteristiche fisiche: impugnando una pistola, probabilmente finta, si era fatto consegnare 6.500 franchi dal cassiere, per poi allontanarsi alla guida di uno scooter. L’uomo aveva agito da solo, ed era stato visto oltrepassare il confine verso l’Italia. La polizia cantonale, durante le indagini partite dai rilievi svolti quella stessa sera, in queste tre settimane ha raccolto una serie di indizi a carico del comasco, finito da poco in carcere con l’accusa di essere l’autore di quella rapina. Contemporaneamente è stata perquisita la sua casa a Como, atto dovuto alla ricerca di elementi utili alle indagini.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1
  • 2

    Sacco per tutti i momò da gennaio

    RIFIUTI

    Nel 2020 anche i Comuni della regione che ancora non hanno introdotto una tassa sul quantitativo si adatteranno alle direttive cantonali e tutti avranno contenitori ufficiali colorati con prezzi tra 1 e 1,25 franchi, ma Mendrisio resterà «fuorilegge»

  • 3
  • 4
  • 5

    «Prima i nostri»: mozione di Robbiani da respingere

    Politica

    Il Municipio di Mendrisio invita a non accogliere il testo che proponeva di adottare il principio della preferenza indigena in caso di nuove assunzioni in Comune - «Il principio di nomina presente nel ROD è già superiore rispetto a quelli enunciati nella mozione»

  • 1
  • 1