Test rapidi? «Sproporzionati»

Chiasso

Il Municipio non ritiene di dover adottare altri provvedimenti oltre a quelli già in atto alle scuole comunali – Si attiene alle riflessioni del Dipartimento della sanità e della socialità

Test rapidi? «Sproporzionati»
I test rapidi sono meno affidabili di quelli di laboratorio PCR. ©CDT/CHIARA ZOCCHETTI

Test rapidi? «Sproporzionati»

I test rapidi sono meno affidabili di quelli di laboratorio PCR. ©CDT/CHIARA ZOCCHETTI

«Il Municipio di Chiasso non ritiene di dover intraprendere per il momento alcuna ulteriore misura in aggiunta a quelle già contemplate dai piani di protezione delle scuole comunali»: così l’Esecutivo risponde alle sollecitazioni del consigliere comunale PLR Fabrizio Chiappini il quale proponeva altre misure per contrastare il virus, tra cui test frequenti ad alunni e docenti delle scuole comunali e l’obbligo di portare la mascherina a scuola e sui bus.

Il Municipio giunge a questa conclusione sulla base delle riflessioni del Dipartimento cantonale della sanità e della socialità (DECS). Il quale peraltro ha invitato i Comuni a evitare di adottare misure addizionali a quelle già in vigore.

Secondo il DECS solo se e quando dovesse verificarsi un netto peggioramento della situazione fra gli allievi delle scuole comunali si potrebbero giustificare test rapidi o mascherine obbligatorie.

Oggi il 60% dei casi positivi in Ticino nelle scuole comunali riguarda allievi di IV elementare (1,62% del totale) e di V (1,73%). Laddove si verificasse un’infezione vengono adottate le necessarie misure. In prospettiva, semmai, – ritiene il DECS – potrebbe essere considerata l’introduzione dell’obbligo delle mascherine limitato ai bambini delle ultime due classi.

Quanto ai test rapidi nelle scuole, utili in presenza di focolai, vengono ritenuti «sproporzionati e poco utili» alla luce dei dati di oggi. Inoltre, riferisce il Municipio – i test a tappeto devono essere ripetuti con regolarità, non possono essere imposti a docenti e allievi e hanno un grado di affidabilità minore rispetto ai test di laboratorio PCR.

«Il rispetto delle distanze e delle misure accresciute di igiene (lavare frequentemente le mani, indossare la mascherina se indicato, isolarsi e testarsi in caso di sintomi eccetera) rimane fondamentale e va mantenuto» chiosa l’Esecutivo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    Equilibrio a Chiasso ma c’è chi voleva di più

    Dalle urne

    Municipio fotocopia nella cittadina, con il PLR che piazza i suoi due uscenti davanti a tutti - Chi sperava nel raddoppio è rimasto deluso - Il divario tra Arrigoni e Pantani Tettamanti sembra troppo ampio per immaginare una votazione per il sindaco

  • 2

    Il forte cambia bandiera

    Mendrisio

    Dopo aver strappato il sindacato nel 2018, il PLR si prende anche la maggioranza relativa in Municipio - Per i vincitori ha premiato l’aver puntato, una decina d’anni or sono, sul rinnovamento dei candidati - Il PPD ammette la sconfitta: «È arrivato il momento di ricominciare da zero, con una squadra di giovani»

  • 3
  • 4
  • 5

    Via Vela chiusa per 7 mesi: il ponte ora va risanato

    Mendrisio

    Inizieranno alla fine di aprile i lavori al manufatto sopra via Zorzi - La struttura è in stato di degrado anche se non sussistono per il momento particolari problemi di sicurezza - Non sono escluse difficoltà per il transito dei veicoli in un comparto parecchio trafficato

  • 1
  • 1