Un impegno per l’acqua potabile in Vietnam

Associazioni

Nel 2019 ACTI Espérance ha realizzato 150 nuovi pozzi raggiungendo un totale di 1.646 impianti nell’intera provincia – Tra le conquiste la costruzione di una scuola

Un impegno per l’acqua potabile in Vietnam

Un impegno per l’acqua potabile in Vietnam

Un impegno per l’acqua potabile in Vietnam

Un impegno per l’acqua potabile in Vietnam

Un impegno per l’acqua potabile in Vietnam

Un impegno per l’acqua potabile in Vietnam

Un impegno per l’acqua potabile in Vietnam

Un impegno per l’acqua potabile in Vietnam

È positivo il bilancio stilato dall’associazione ACTI Espérance, con sede a Balerna: un impegno lungo 19 anni ha consentito la realizzazione di sistemi idrici a servizio di oltre 25.000 persone nelle aree rurali del Delta del Mekong, in Vietnam. «Nel solo 2019, grazie ai fondi raccolti in Ticino e ai volontari dell’associazione – si legge in una nota – si è consentita la realizzazione di 150 nuovi pozzi d’acqua potabile raggiungendo complessivamente 1.646 impianti in tutta la provincia vietnamita di Kien Giang». La regione, spesso confrontata con problemi climatici, è popolata prevalentemente da contadini di origini Khmer con difficile accesso ai servizi sanitari di base. È inoltre proseguito il lavoro di monitoraggio dell’accesso all’acqua potabile nella regione del Delta del Mekong.

Sempre nel corso del 2019, è stata costruita e consegnata una scuola-asilo nella provincia di Dak Lak, che va a favore di circa 80 bambini dai 3 a 6 anni. Parallelamente è stata finanziata la costruzione di un ponte in cemento nel villaggio di Vinh Tri nella provincia vietnamita di Long An.

«Durante l’anno – spiega Ivan Schick, coordinatore dell’associazione – abbiamo avuto il ruolo di consulenti per l’ente di coordinamento provinciale delle ONG di Long An per lo sviluppo di un nuovo progetto idrico nel quartiere suburbano di Binh Dong. Un’attività prevalentemente didattica che ha permesso l’identificazione della migliore soluzione tecnica di approvvigionamento idrico per 315 famiglie». Sono stati inoltre sostenuti altri piccoli progetti di aiuto in Grecia, a favore dell’accoglienza di profughi, e in Mozambico, a sostegno dell’ospedale Carmelo di Chokwe.

In Svizzera l’associazione ha organizzato l’edizione 2019 del Manno Film Mondo, presentando l’Indocina «in un contesto visivo e musicale arricchito da diversi ospiti». È stata anche ospite di Festate a Chiasso con Scena OFF e ha organizzato la 16. edizione del concerto Espérance in Musica.

Tra i principali progetti previsti per il periodo 2020 - 2022, la costruzione di quattro scuole (province di Dak Lak e Kien Giang), otto ponti (provincia di Long An) e 300 pozzi d’acqua (provincia di Kien Giang).

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mendrisiotto
  • 1

    Bancomat esplosi, stop alle inchieste

    mendrisiotto

    La Magistratura sigla un decreto di sospensione: «Il procedimento ripartirà quando emergeranno informazioni utili a identificare i responsabili dei colpi»

  • 2

    Brusino è pronta a diventare più turistica

    Progetto

    Dopo anni di attesa il Municipio ha ricevuto i fondi promessi dalla Fondazione Mondonico per la ristrutturazione di Villa Patria, in riva al lago Ceresio - L’edificio sarà rinnovato a scopi turistici e accoglierà anche un bed and breakfast

  • 3
  • 4

    «Per non pagare la vignetta intasano le strade secondarie?»

    Viabilità

    Secondo due consiglieri comunali l’introduzione dell’obbligo del contrassegno autostradale sulla tratta Mendrisio - Stabio Ovest avrebbe fatto aumentare il traffico a Genestrerio, Rancate e Ligornetto - Scatta l’interpellanza al Municipio

  • 5

    Quella parte di Mendrisio che è ancora «luganese»

    Elettricità

    Quattro quartieri sono ancora serviti dalle AIL: una situazione che fa discutere da tempo – Ora le AIM vorrebbero comprare la rete e le trattative sono entrate nel vivo – Il prezzo dovrebbe aggirarsi attorno agli 8 milioni di franchi – Messaggio atteso entro fine anno

  • 1
  • 1