Nei nidi molto più spazio e tanta aria aperta

Al lavoro

Molte strutture che accolgono bimbi piccoli restano aperte - Anche per loro i cambiamenti non mancano, tra un brusco calo delle presenze e le misure introdotte per prevenire il più possibile il coronavirus

Nei nidi molto più spazio e tanta aria aperta
© CdT/Archivio

Nei nidi molto più spazio e tanta aria aperta

© CdT/Archivio

Non tutti i bambini stanno trascorrendo questi giorni a casa. C’è infatti anche chi ha genitori che devono recarsi al lavoro ogni giorno. Ad occuparsi di questi bimbi sono i nidi comunali (e dei servizi creati ad hoc) e varie strutture private - molte sono restate aperte -, come il nido Culla Baby Star di Breganzona e i centri Sfera Kids del Luganese, che però hanno dovuto riorganizzarsi. Ne abbiamo parlato con le rispettive direttrici Ramona Gerber e Susy Poletti.

Dieci su sessantasette

«Ancora prima dell’annuncio delle ultime direttive da parte del Governo ci eravamo già organizzati per poter continuare ad accogliere i bambini di tutti quei genitori che lavorano nei settori sanitario e farmaceutico e nella vendita di beni di prima necessità - esordisce Gerber -, così come dei bimbi che hanno...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1