«Nel 2021 un deficit da 230 milioni»

L’intervista

Le finanze del Cantone e le prospettive economiche - Parla il direttore del DFE Christian Vitta: «Nel 2002 il capitale proprio ammontava a 525 milioni, nel 2019 a 112 milioni»

«Nel 2021 un deficit da 230 milioni»
Christian Vitta, direttore del DFE dall’aprile del 2015. © CdT/Chiara Zocchetti

«Nel 2021 un deficit da 230 milioni»

Christian Vitta, direttore del DFE dall’aprile del 2015. © CdT/Chiara Zocchetti

Christian Vitta, il Gran Consiglio sarà chiamato a dare luce verde ai conti del 2019 che hanno chiuso con un avanzo di 60,3 milioni di franchi. L’ultimo raggio di sole prima di una stagione di lacrime e sangue?

«Sicuramente ci attendono alcuni anni in cifre rosse e di conseguenza impegnativi e questo a seguito di un evento straordinario e inatteso che ha influito in maniera importante sulla nostra economia e di riflesso anche sui conti degli enti pubblici».

Il Preventivo 2020, con le sue cifre nere, è stato spazzato via dallo tsunami del coronavirus. L’anno è tutto in salita?

«Il preconsuntivo appena presentato per l’anno 2020 prevede un disavanzo di circa 270 milioni di franchi, un dato ancora provvisorio e soggetto a cambiamenti considerata l’incertezza del momento. Questo risultato è condizionato...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Gianni Righinetti
Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1