Norman Gobbi: «L’accoltellatore di Rimini in Svizzera? Boutade fantasiosa e grave»

Il caso

Il consigliere di Stato commenta l’uscita della ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, secondo cui l’Italia intende chiedere alla Confederazione di farsi carico del somalo di 26 anni: «Spero che a Berna si stiano spanciando dalle risate, l’Accordo di Dublino chiama in causa la Germania» - Il consigliere nazionale Lorenzo Quadri inoltra un’interpellanza al Governo

 Norman Gobbi: «L’accoltellatore di Rimini in Svizzera? Boutade fantasiosa e grave»
© CdT/ Chiara Zocchetti

Norman Gobbi: «L’accoltellatore di Rimini in Svizzera? Boutade fantasiosa e grave»

© CdT/ Chiara Zocchetti

Il consigliere di Stato Norman Gobbi ha diffuso su Facebook la sua reazione all’uscita della ministra dell’Interno italiana Luciana Lamorgese che, nel question time alla Camera, ha fatto sapere che l’Italia si prepara a chiedere alla Svizzera di farsi carico di Somane Duula, il somalo 26.enne responsabile degli accoltellamenti di Rimini lo scorso sabato. Norman Gobbi ha scritto: «Con tutto il rispetto che posso avere per l’istituzione che rappresenta, la signora ministra dell’Interno italiana poteva risparmiarci questa boutade fantasiosa, vagamente da scaricabarile. Spero che a Berna si stiano spanciando dalle risate davanti a questa richiesta, se non fosse che il caso di violenza è grave. Grave tanto quanto detto in Parlamento dalla signora ministra, poiché disattende anche i principi dell’Accordo di Dublino che invece chiamerebbe in causa semmai la Germania e non la Svizzera! A meno che nel nome della reciprocità rimandassimo in Italia tutti gli italiani autori di reati in Svizzera...». In serata il consigliere nazionale Lorenzo Quadri ha inoltrato un’interpellanza al Consiglio federale (vedi testo sotto).

Norman Gobbi: «L’accoltellatore di Rimini in Svizzera? Boutade fantasiosa e grave»
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Mendrisio non vede l’ora di avere un enorme parco

    Legislativo

    Accolto all’unanimità il messaggio da 8 milioni di franchi per l’espropriazione della parte alta del comparto verde di Villa Argentina - L’operazione sarà seguita dalla creazione di un’immensa area pubblica e i partiti hanno espresso i loro auspici e desideri - Accolta anche la richiesta a stare in lite con gli eredi Fontana

  • 2
  • 3
  • 4

    Fermi tutti: riecco il voto per alzata di mano

    BELLINZONA

    Problemi tecnici al voto elettronico impongono il ritorno, momentaneamente, alle origini - I tecnici sono al lavoro per risolvere l’inghippo, ma intanto per una volta il plenum segue il consiglio di Matteo Pronzini

  • 5
  • 1
  • 1