Paura del «test fai da te»? Guardate qui

Coronavirus

Le farmacie ticinesi dispongono da oggi del kit per sottoporsi autonomamente all’analisi, proviamo a farla insieme? - IL VIDEO

Paura del «test fai da te»? Guardate qui

Paura del «test fai da te»? Guardate qui

Lo sapete. I test anti-COVID fai da te sono arrivati nelle farmacie del Paese. Per ottenerne fino a cinque al mese gratuitamente, basterà mostrare la tesserina della vostra assicurazione malattia oppure il permesso di lavoro se siete stranieri. Il kit si presenta così e contiene un tampone con ovatta, una provetta con il suo cappuccio e una striscia reattiva. Vogliamo provarlo insieme?

Primo: disinfettiamo le mani

Secondo: estraiamo il bastoncino dalla confezione facendo attenzione di non toccare l’ovatta!

Terzo: incliniamo un pochino la testa all’indietro

Quarto: infiliamo il bastoncino in una narice e spingiamo, adagio adagio. Quando sentiremo una resistenza, ci fermiamo. Poi giriamo il bastoncino per quattro volte, tenendolo contro la parete nasale. Senza fretta.

Quinto: ripetiamo la stessa operazione nell’altra narice.

Sesto: infiliamo il tampone nella provetta che troviamo nel kit e la strizziamo per bene, girando il tampone a destra e sinistra. Poi lo estraiamo, tenendo sempre premuta la provetta e la chiudiamo con l’apposito tappo che troviamo nel kit.

Settimo: prendiamo la striscia reattiva e versiamo 4 gocce del nostro liquido nella finestra a destra, quella tonda.

Ottavo ed ultimo punto: aspettiamo 15 minuti e poi leggiamo il risultato.

Il test è un po’ come quelli di gravidanza: se appaiono due trattini significa che il test è positivo.

Se negativo, ci sarà soltanto una righetta, quella di controllo.

Se risultate positivi correte subito in farmacia oppure in ospedale o in uno studio medico e sottoponetevi ad un nuovo test. Quello più affidabile, lo sapete, è il tampone molecolare.

Se siete negativi potrete recarvi dall’amica a cena, oppure ad una riunione con i colleghi.

Ma attenzione: se dovete andare a trovare una parente in casa anziani e volete avere la certezza di non infettare i vostri cari, questo test non basta.

Il test rapido rappresenta una sicurezza in più. Lo si effettua soltanto quando non si hanno sintomi particolari. E non sostituisce certo tutte le misure sanitarie che in questo anno di pandemia abbiamo imparato a conoscere. E se avete ancora dubbi, consultate il sito della ditta produttrice del test: lì troverete tutte le spiegazioni nel dettaglio.

Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2
  • 3

    Alla riscoperta di parco Morosini, tra storia svizzera e storia d’Italia

    Vezia

    Quasi terminato il restauro conservativo della grande area che si trova a fianco di villa Negroni, di cui è stata per secoli parte integrante È un luogo più unico che raro in Ticino: un generale polacco ci lasciò il suo cuore (imbalsamato) e fu un rifugio sicuro per i patrioti durante il Risorgimento

  • 4

    Il mistero del Boffalorino a Chiasso mentre il degrado avanza

    Enigma

    Sfrattato il Gruppo urani, l’area protagonista sin dagli anni 30 delle tradizionali feste estive è ora in stato di incuria Caduto il progetto edilizio della società confederata che acquistò il terreno – Arrigoni: «Dobbiamo valutare come agire»

  • 5

    Lugano: problema risolto, il Parq è ripartito

    Ristorazione

    Tolti i sigilli, il noto locale che si affaccia su viale Cattaneo è tornato in attività -«Dopo un anno e mezzo di pandemia non solo siamo riusciti a resistere, ma perfino ad aprire un altro ristorante» - Il gruppo ha infatti da poco inaugurato a Mendrisio il DimSum & Sushi club e ha altri progetti in mente

  • 1
  • 1