Piste da sci, un credito rinnovato con qualche paletto in più

Gran Consiglio

Sì del Parlamento ai 5,6 milioni a favore dei principali impianti ticinesi - Entro il 2023, però, vengono chiesti passi avanti per destagionalizzare il prodotto

Piste da sci, un credito rinnovato con qualche paletto in più
© CdT/Gabriele Putzu

Piste da sci, un credito rinnovato con qualche paletto in più

© CdT/Gabriele Putzu

Detto del certificato COVID non necessario per la stagione invernale, restiamo sulle piste da sci, ma cambiamo completamente discorso. Il Gran Consiglio, proprio questo pomeriggio, ha infatti confermato per le prossime stagioni il suo sostegno finanziario alle cinque principali stazioni invernali del cantone: Airolo, Bosco Gurin, Campo Blenio, Carì e Nara. Il sostegno al credito di 5,6 milioni per quattro stagioni è giunto praticamente da tutte le forze politiche. Con 73 voti favorevoli, 1 contrario (tra i Verdi) e 4 astenuti (tra i Verdi e l’UDC), il rapporto della Commissione gestione e finanze è passato come una lettera alla posta.

Le cinque stazioni portano in Ticino un indotto di circa 20 milioni di franchi e oltre un centinaio di posti di lavoro

I relatori del rapporto (Bixio Caprara per il PLR, Michele Guerra per la Lega e Fiorenzo Dadò per il PPD), così come molti altri deputati, in aula hanno sottolineato l’importanza di questi impianti per l’economia, per il turismo, per i giovani, per lo sport. Ad esempio, è stato fatto notare come queste cinque stazioni portino in Ticino un indotto di circa 20 milioni di franchi e oltre un centinaio di posti di lavoro. Elementi che, oltre ad essere benefici per tutto il Cantone, vanno sovente a favore soprattutto delle regioni periferiche e delle Valli.

Detto ciò, nel credito viene pure chiesta ai cinque impianti maggiore concretezza nel portare avanti i progetti di destagionalizzazione e di collaborazione interaziendale. Concretamente, il Parlamento auspica che queste strutture possano andare sempre più verso una più sostanziale ottimizzazione sia nella ricerca del contenimento spese che nell’aumento dei ricavi, e ciò tramite la rivalutazione della stagionalità.

Il Parlamento vuole vedere concreti passi avanti nella creazione del cosiddetto «prodotto montagna» ticinese

Non a caso, il credito da 5,6 milioni è stato diviso in due tranche: per le prime due stagioni la chiave di riparto tra le cinque stazioni non cambia. Nel secondo biennio verrà invece definita a seconda dell’esito dei progetti delle singole stazioni e in particolare al concretizzarsi delle collaborazioni interaziendali, con particolare riguardo a quelle relative alla gestione tecnica degli impianti e al marketing. Insomma, concedendo il credito, il Parlamento ha pure chiesto di poter vedere concreti passi avanti nella creazione del cosiddetto «prodotto montagna» ticinese.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    «Nessuna motivazione valida per fermare il Rally in Ticino»

    territorio

    Nel rispondere a un’interrogazione firmata da 27 deputati di Verdi, PS, PPD, PLR, Più Donne e Lega il Consiglio di Stato fa notare che «non si intravedono ragioni per un rifiuto di principio alla manifestazione» – Le gare motoristiche sono limitate a un numero massimo di 10 all’anno – I disagi? «Simili a quelli di altri eventi»

  • 2
  • 3

    L’ospedale regionale corre spedito

    SOTTO LA LENTE

    Bellinzona, sottoscritto il contratto di compravendita dei terreni alla Saleggina sui quali sorgerà il futuro nosocomio che sostituirà il vetusto San Giovanni - Ecco quali sono i prossimi passi in vista della realizzazione dell’importante struttura sanitaria

  • 4

    Risolto il guasto tecnico che ha provocato disagi a Lugano

    Traffico ferroviario

    Ritardi e cancellazioni dei treni sono stati causati da un problema all’impianto ferroviario, i convogli non circolavano verso nord e viceversa – Il guasto è stato risolto in serata e i treni hanno ripreso a circolare normalmente

  • 5

    Rhuigi Villaseñor nuovo direttore creativo di Bally

    moda

    Di nazionalità filippina e americana è stato riconosciuto come uno dei talenti della moda più promettenti di oggi – La sua prima collezione per il marchio di lusso svizzero debutterà per la stagione primavera/estate 2023

  • 1
  • 1