«Più libertà per i negozi e riapertura completa dei ristoranti»

Pandemia

Dopo l’aiuto per i casi di rigore, il PLR propone nuove misure per il commercio e chiede al Governo di insistere con Berna per la normalizzare della situazione per gli esercizi pubblici

 «Più libertà per i negozi e riapertura completa dei ristoranti»
©Shutterstock

«Più libertà per i negozi e riapertura completa dei ristoranti»

©Shutterstock

Dopo l’aiuto per i casi di rigore, il PLR chiede più libertà per i negozi e la riapertura completa dei ristoranti. In una nota diffusa oggi dal partito si legge: «L’aumento di 50 milioni degli aiuti per i casi di rigore decisi dal Gran Consiglio rappresenta la naturale evoluzione del sostegno deciso per l’economia ticinese che ha già visto distribuiti gran parte dei 75 milioni approvati a gennaio. Un incremento che andrà a beneficio soprattutto delle attività ancora soggette a chiusure forzate e che andrà erogato controllando gli abusi ed evitando anche le lungaggini burocratiche. Per il PLR si tratta però ora di guardare avanti, permettendo alle varie attività liberando le energie dei molti proprietari di ristoranti, bar e commerci: proprio per questo il Gruppo parlamentare PLR propone misure concrete per garantire maggiore flessibilità per il commercio e chiede che il Consiglio di Stato insista con le autorità federali per normalizzare definitivamente la situazione per gli esercizi pubblici. In un’iniziativa elaborata pronta ad essere inoltrata al Parlamento (primi firmatari Speziali, Gianella e Maderni), il PLR propone di passare dalle attuali tre aperture domenicali a quattro, di aumentare a 400 metri quadrati la superficie dei negozi che possono tenere aperto la domenica e di estendere fino alle 19.00, quindi di mezz’ora, l’orario in cui si può tenere alzata la serranda nei festivi. L’obiettivo è di sostenere i negozi nel rilancio dopo le lunghe chiusure e sostenere al contempo la loro capacità di garantire al tessuto economico ticinese posti di lavoro. Per quanto concerne la ristorazione, dal territorio ci segnalano ancora molte situazioni problematiche. Per il presidente PLRT Alessandro Speziali, “la soluzione è permettere all’intero settore di tornare finalmente al lavoro aprendo le strutture anche all’interno – cessando così di dipendere unicamente dalla meteo e dall’ampiezza delle terrazze. Le riaperture parziali attuali sono state un primo passo, ma non garantiscono ai ristorati di poter raggiungere quella certezza, anche finanziaria, che necessitano e che meritano”. Dopo la lunga fase di crisi caratterizzata dal sostegno finanziario alle aziende proposto dal DFE e condiviso dal Gran Consiglio, è arrivato il momento di guardare davvero al rilancio delle attività nel nostro Cantone, attraverso un’azione politica caratterizzata da maggiore libertà e sostegno concreto ai posti di lavoro». La capogruppo Alessandra Gianella dichiara: «Lavorare significa poter lavorare. Le persone chiedono la libertà e la certezza nella loro attività. Come Gruppo PLR torniamo a ribadire l’assoluta necessità di rimettere in moto il nostro Cantone, in tutti i suoi settori economici. E questo percorso non può che passare dal favorire il lavoro, il mantenimento e la creazione posti di lavoro eliminando quanti più ostacoli possibili».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Da domani basta un tampone per andare oltre frontiera

    domande e risposte

    Roberto Speranza, ministro della Salute italiano, ha firmato ieri la nuova ordinanza che prevede l’ingresso dai Paesi dell’UE e dell’area Schengen con il solo test, da effettuare nelle 48 ore precedenti all’ingresso - Cade quindi l’obbligo di quarantena - Ecco tutto quello che serve sapere

  • 2
  • 3

    Occhio, i falsi nipoti sfruttano il coronavirus

    LUGANO

    La pandemia viene usata da chi estorce denaro agli anziani fingendo di essere un parente in difficoltà - Dicono di aver bisogno di soldi per pagare le cure in terapia intensiva - Una vittima della truffa racconta la sua storia

  • 4

    Bleniesi convinti sul turismo: «È la nostra carta vincente»

    Scenari

    Parola ai tre sindaci confermati dell’unico distretto dell’Alto Ticino in cui non ci saranno elezioni in questo weekend - Tra Polisport, Sun Village e stazioni invernali da convertire anche all’estate, tutti sanno su quale settore puntare per spingere l’economia locale - «E ora abbiamo una visione di valle»

  • 5

    Santa Chiara ha scelto: si vende alla Moncucco

    Sanità

    Gli azionisti dell’istituto locarnesehanno deciso a maggioranza di accettare la proposta della clinica luganese perché offre le maggiori garanzie dal profilo della continuità e dello sviluppo – L’offerta finanziaria si aggira sui 4 milioni di franchi – Dimissioni immediate del presidente e della direttrice sanitaria

  • 1
  • 1