Polemica terrazze aperte, il Ticino fa dietrofront e chiude

il caso

Il Consiglio di Stato, unitamente a Uri, Svitto, Nidvaldo, Obvaldo e Glarona, ha deciso di chiudere le terrazze nei comprensori sciistici a partire da domenica 28 febbraio alle 17

Polemica terrazze aperte, il Ticino fa dietrofront e chiude
© Keystone/Urs Flüeler

Polemica terrazze aperte, il Ticino fa dietrofront e chiude

© Keystone/Urs Flüeler

Polemica terrazze aperte, il Ticino fa dietrofront e chiude

Polemica terrazze aperte, il Ticino fa dietrofront e chiude

Polemica terrazze aperte, il Ticino fa dietrofront e chiude

Polemica terrazze aperte, il Ticino fa dietrofront e chiude

Polemica terrazze aperte, il Ticino fa dietrofront e chiude

Polemica terrazze aperte, il Ticino fa dietrofront e chiude

Il Consiglio di Stato, in maniera coordinata con i Cantoni di Uri, Svitto, Nidvaldo, Obvaldo e Glarona, ha deciso che a partire da domenica 28 febbraio alle 17 le terrazze dovranno essere chiuse. Lo comunica il Governo in una nota dopo alcuni colloqui tra i rappresentanti del Consiglio federale e di alcuni Cantoni svizzeri in merito all’utilizzo delle terrazze dei take-away situati nei comprensori sciistici non ha permesso di trovare un compromesso.

Botta e risposta tra Cantoni e Berna

Come noto, in sei Cantoni svizzeri è attualmente possibile consumare alimenti e bevande sulle terrazze dei take-away dei comprensori sciistici. Questo naturalmente nel pieno rispetto dei piani di protezione previsti per la gastronomia (tavoli distanziati, massimo di quattro persone per tavolo, tracciamento, ecc.). Secondo i Cantoni la regolamentazione di questi spazi rientra nelle disposizioni previste dai piani di protezione per i comprensori sciistici e, di conseguenza, sarebbe di competenza dei Cantoni. Il Consiglio federale non condivide questa interpretazione e ha ribadito che l’utilizzo di questi spazi è regolamentato dall’Ordinanza federale. Le autorità federali hanno quindi chiesto ai Cantoni di rispettare e far applicare queste disposizioni.

Nessun compromesso

I Cantoni hanno cercato di spiegare alle autorità federali i vantaggi legati alla messa a disposizione di questi spazi per il consumo di bevande e alimenti sulle piste da sci. Dopo alcuni colloqui avvenuti ieri sera, giovedì 25 febbraio, non è stato raggiunto un compromesso. Anche se da un punto di vista epidemiologico si resta convinti della bontà della soluzione proposta, i Cantoni hanno deciso di dare seguito alle richieste del Consiglio federale.

Per questo motivo, il Consiglio di Stato ticinese, in maniera coordinata con i Governi dei Cantoni di Uri, Svitto, Nidvaldo, Obvaldo e Glarona, ha deciso che a partire domenica 28 febbraio 2021 alle 17.00 le terrazze dei comprensori sciistici dovranno chiudere.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2

    Piazza Grande e Città Vecchia due perle da lucidare in fretta

    Elezioni comunali

    Il futuro del salotto buono di Locarno e del quartiere storico, fra progetti di riqualifica ed eventuale pedonalizzazione, sono i temi principali affrontati nell’ultimo confronto tra i candidati al Municipio in vista dell’appuntamento con le urne fissato per il 18 aprile

  • 3

    A 10 anni dal raddoppio leghista

    Partiti

    Il 10 aprile 2011 in Ticino ci fu una sorta di rivoluzione con l’elezione di tre nuovi consiglieri di Stato e la conquista da parte della Lega del secondo seggio in Governo a svantaggio del PLR - I ricordi, le valutazioni e gli aneddoti con i protagonisti di allora

  • 4

    Ospedale Civico: «Non confondete contenuto e contenitore»

    Sanità

    Il Municipio di Lugano difende l’EOC e la scelta di rinunciare all’importante aumento volumetrico dell’ospedale:«Non ci sarà alcuna perdita di competenze e il nosocomio continuerà a essere la punta di diamante della sanità ticinese»

  • 5

    Un progetto architettonico che fa riemergere la storia

    Bellinzona

    Nuovo complesso residenziale in arrivo in uno degli ultimi angoli non ancora edificati a ridosso del centro - Sorgerà a due passi dalle Officine sulla proprietà «Al Pianton» sviluppata dalla famiglia Bonzanigo sin dall’Ottocento: comprende una villa che sarà mantenuta

  • 1
  • 1