Aiuti allo studio più generosi

Il Governo propone di portare il tetto massimo delle borse destinate a chi studia fuori cantone da 16.000 a 18.000 franchi

Aiuti allo studio più generosi

Aiuti allo studio più generosi

BELLINZONA – Da 16.000 a 18.000 franchi. È l'innalzamento del tetto massimo dell'aiuto a chi studia fuori cantone proposto martedì dal Consiglio di Stato. A sollecitare un intervento in questa direzione era un'iniziativa elaborata del PS, che in maggio aveva chiesto all'Esecutivo di portare la soglia a 20.000 franchi. Ora il Governo invita dunque il Parlamento a percorrere la via del compromesso, accogliendo parzialmente le richieste degli iniziativisti. Questi ultimi auspicavano infatti anche l'abrogazione dell'articolo di legge con cui è previsto che le borse di studio richieste dai frequentatori di un master, possano essere convertite fino a un massimo di un decimo in prestiti da restituire. Una misura, questa, invece che rimarrà invariata. A sollecitare un rafforzamento degli aiuti allo studio era stato anche il Sindacato degli studenti e degli apprendisti, che in aprile aveva consegnato a Palazzo delle Orsoline una petizione sottoscritta da 2.200 cittadini.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1
    ticino

    Scuola, si torna in classe

    Il Consiglio di Stato ha deciso che dal 31 agosto le lezioni saranno in presenza - Mascherina sconsigliata per asilo ed elementari, facoltativa per medie e superiori - Merlani: «La metà dei nuovi contagi dopo un viaggio all’estero»

  • 2
    giustizia

    Espulsioni obbligatorie, il Ticino è sotto la media nazionale

    Lo scorso anno in Svizzera quelle previste dal Codice penale sono state pronunciate nel 57,5% dei casi - A Sud delle Alpi questo avviene in poco più della metà delle condanne inflitte agli stranieri – Ma le cifre non convincono i procuratori

  • 3
  • 4
  • 5
    fiscalità

    Frontalieri, «l’accordo può essere disdetto»

    Lo stabilisce il parere legale commissionato dal Consiglio di Stato all’Università di Lucerna – Un’uscita unilaterale dall’intesa è possibile ma andrebbe accompagnata da una rescissione parziale della Convenzione sulla doppia imposizione – Le conclusioni sono state inviate al Consiglio federale

  • 1