Autogestione, il Gran Consiglio rinvia la «soluzione cantonale»

Politica

Il Parlamento, alla luce degli avvenimenti di questo fine settimana, ha deciso di rinviare il rapporto alla Commissione sanità e sicurezza sociale

Autogestione, il Gran Consiglio rinvia la «soluzione cantonale»

Autogestione, il Gran Consiglio rinvia la «soluzione cantonale»

Dopo il lungo fine settimana Luganese durante il quale l’ex macello è stato demolito, oggi anche il Gran Consiglio è tornato a chinarsi sulla questione dell’autogestione. La proposta sul tavolo, contenuta in un rapporto della Commissione sanità e sicurezza sociale su una mozione del 2012, era quella di fare un ultimo tentativo per trovare uno «spazio alternativo cantonale» tramite l’aiuto di un mediatore. Il rapporto firmato a fine aprile dalla maggioranza della Commissione, però, dopo un acceso dibattito in aula è stato rinviato alla stessa commissione.

La proposta di rinvio è stata fatta dal deputato Sergio Morisoli a nome del gruppo UDC: «Le circostanze sono mutate parecchio rispetto a quando il rapporto è stato sottoscritto. Nell’ultimo mese sono successe più cose che nei 9 anni da quando è stata presentata la mozione. Stravolgimenti che normalmente non portano a nulla di buono.Questo rinvio permetterebbe nuovamente a Governo e Commissione di incontrarsi per capire qual è la migliore soluzione, che tenga conto anche della posta in gioco nell’andare o non andare in una determinata direzione, visti anche gli avvenimenti di questo fine settimana che non possono essere né sottaciuti né sottovalutati».

La proposta di rinvio (la cui discussione dovrebbe essere di tipo procedurale e non entrare nel merito della questione) si è poi però presto accesa e il presidente del Gran Consiglio Nicola Pini ha più volte richiamato i deputati all’ordine. Al termine del dibattito, durato quasi un’ora, il plenum come detto ha optato per il rinvio. Verosimilmente se ne riparlerà dunque nelle prossime settimane.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1

    Tripartita, è scontro sul futuro

    cantone

    A sei mesi dall’applicazione della legge sul salario minimo la Commissione si spacca in due - Per una parte del gremio consultivo, la propria missione va ripensata – A dividere i sindacati e il padronato è la possibilità di continuare a proporre contratti normali di lavoro

  • 2

    Il PLR torna in presenza e lancia l’offensiva

    politica

    Il comitato cantonale riunito a Gordola programma il rilancio del cantone dopo la pandemia - Tra le priorità ci sono il mercato del lavoro, la formazione, ma anche l’ambiente - Il presidente Alessandro Speziali: «Serve il coraggio politico di profilarsi, i nostri intenti devono sfociare in proposte concrete»

  • 3

    Migliorano un po’ le finanze del Cantone

    conti

    Le cifre del preconsuntivo indicano un disavanzo di 175,5 milioni di franchi a fronte de 230,7 milioni previsti - In base all’andamento, l’autofinanziamento negativo si stima potrà essere annullato

  • 4

    Scuola uno, pandemia zero

    cantone

    Malgrado le restrizioni sanitarie l’anno scolastico ticinese si è svolto interamente in presenza - Bertoli: «Una straordinaria normalità raggiunta con lo sforzo di tutti» - Berger: «Abbiamo garantito il mandato formativo ed educativo» - Ora si guarda al rientro

  • 5
  • 1
  • 1