Bixio Caprara: «Non è una decisione politica ma personale e professionale»

l’intervista

Il presidente del PLR si fermerà a un mandato - Eletto alla testa dei liberali radicali il 5 febbraio 2017, lascerà l’incarico e a ottobre si terrà il Congresso chiamato ad eleggere il suo sostituto - Lo abbiamo intervistato a caldo

Bixio Caprara: «Non è una decisione politica ma personale e professionale»
TI-PRESS/PABLO GIANINAZZI

Bixio Caprara: «Non è una decisione politica ma personale e professionale»

TI-PRESS/PABLO GIANINAZZI

Il presidente del PLR Bixio Caprara si fermerà a un mandato. Eletto alla testa dei liberali radicali il 5 febbraio 2017, lascerà l’incarico una volta che sarà stato designato il suo successore. Toccherà quindi al Congresso cantonale, il 3 ottobre, eleggere il nuovo presidente. Lo abbiamo intervistato a caldo.

Quando ha maturato la decisione di non sollecitare un nuovo mandato quadriennale alla presidenza del PLR?«Non c’è stato un momento preciso ma mi è stato chiaro sin da subito che il PLR doveva proseguire un progetto di rinnovamento nel solco dei valori liberali radicali che lo caratterizzano. Ho sempre interpretato il mio ruolo di presidente prima di tutto con spirito di servizio. Nei confronti del partito, ma anche del paese. E questo ha significato per me lavorare con impegno, convinzione,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1

    Sul 5G il Ticino non cambia

    Gran Consiglio

    La maggioranza del plenum ha optato per lo «statu quo», bocciando sia le proposte che chiedevano più cautela, sia quelle domandavano tempi più rapidi per la posa delle antenne

  • 2

    Permesso B, cade il «centro degli interessi»

    PERMESSI

    Le recenti sentenze del Tribunale federale superano i parametri messi in atto dalla Sezione della popolazione e dall’Ufficio della migrazione, che vengono quindi adattati – Il mantenimento di un permesso presuppone un minimo di presenza sul territorio svizzero, stabilito con la notifica di partenza o un soggiorno all’estero di sei mesi»

  • 3

    Moratoria sulla libera circolazione, Berna dice «no» a Marco Chiesa

    FRONTALIERI

    A detta di Karin Keller-Sutter, non siamo di fronte a un grave perturbamento del mercato del lavoro tale da giustificare la convocazione urgente del Comitato misto Svizzera-Ue – «Il Ticino è vittima del suo successo»: sviluppo economico e piccolo mercato del lavoro

  • 4

    Salario e CCL, soluzione cercasi

    Gran Consiglio

    Il plenum ha discusso per quasi tre ore del «caso TiSin» - Si è aperto qualche spiraglio per una modifica della legge - Christian Vitta invita alla prudenza e chiede di non giungere a conclusioni affrettate

  • 5
  • 1
  • 1